Menu
S. Attilio - Mercoledì 28 Giugno 2017
A+ A A-

Chi paga durante l’assenza per infortunio?

  • Scritto da  Simone Fulghesu


Sono stata assente dal lavoro dal 15 al 28 giugno a causa di un infortunio in itinere avvenuto il 14 giugno. Ho ricevuto la busta paga di giugno e non ho la retribuzione relativa al mese intero: il datore di lavoro sostiene che spetta all’Inail pagarmi i giorni di assenza. È vero? Devo presentare delle domande all’Inail?

Se il datore di lavoro ha correttamente denunciato l’infortunio e il medico Inail ha già dichiarato l’avvenuta guarigione clinica non serve inoltrare un’altra domanda all’Inail, ma è necessario attivarsi per sollecitare il pagamento.

In alcuni casi l'Inail chiede al datore di lavoro di procedere a erogare l'indennità temporanea in sua vece. Il datore di lavoro non può rifiutarsi e l’Inail provvede mensilmente al rimborso di quanto anticipato.

La normativa in materia di infortuni e malattie professionali in caso di assenza dal lavoro per inabilità temporanea assoluta causata da infortunio o malattia professionale dispone che al lavoratore vengano corrisposte le seguenti somme:

  • Il giorno dell’infortunio il datore di lavoro pagherà il 100% della retribuzione, nulla è a carico dell’Inail.
  • I tre giorni successivi, chiamato periodo di carenza, il datore di lavoro darà il 60% della retribuzione, salvo miglior trattamento previsto da Ccnl e regolamenti. Nulla è a carico dell’Inail.
  • Dal 4° al 9° giorno successivo all’infortunio il datore di lavoro pagherà l’integrazione se prevista da Ccnl mentre l’Inail pagherà l’indennità giornaliera pari al 60% della retribuzione media percepita nei 15 giorni precedenti l’evento.
  • Dal 91° giorno successivo fino a guarigione clinica il datore di lavoro pagherà l’integrazione se prevista da Ccnl mentre l’Inail pagherà l’indennità giornaliera pari al 75% della retribuzione media percepita nei 15 giorni precedenti l’evento.

L’obbligo compete anche per tutte le giornate di assenza, festivi compresi.

È importante verificare la busta paga ricevuta, ma anche e soprattutto sollecitare il pagamento da parte dell’Inail. E’ opportuno quindi che si rivolga ad un ufficio del patronato Acli per l’assistenza necessaria per ottenere i suoi diritti nei confronti dell’Inail.

Per informazioni: www.patronato.acli.it

Ultima modifica: Giovedì, 21 Luglio 2016 15:44
Torna in alto

Ultime news dal sito

Le Acli al Congresso Cisl: “Nuove tutele e fiscalità per un Paese più giusto”

Tra le tante trasformazioni che il mondo del lavoro sta attraversando, c’è anche quella del lavor...

Riforma Terzo Settore, Tassinari: "Accolte le nostre richieste"

La riforma del Terzo Settore e gli obiettivi dei prossimi quattro anni sono stati al centro dell'...

People4soil: mancano 18mila firme per l'Italia

People4soil, la campagna di protezione del suolo promossa da una serie di associazioni tra cui le...

Piemonte: le opportunità della riforma del Terzo settore

Venerdì 30 giugno le Acli del Piemonte organizzano un seminario sulla riforma del Terzo settore d...

Turismo generativo. Vitale (CTA) su Corriere Sociale

Nell'edizione del 24 giugno del Corriere Sociale il presidente nazionale del CTA, Pino Vital...

Accordo commerciale tra Acli e Banco Bpm

Banco BPM Acli hanno firmato un accordo commerciale valido per tutto il mondo Acli con un approcc...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui