Jobs act: via libera delle Camere ai primi decreti attuativi

Il 13 gennaio 2015 il Governo ha trasmesso al Parlamento i primi due schemi di decreti legislativi attuativi della delega in materia di lavoro (“Jobs Act”, legge n.183/2014): contratti a tempo indeterminato a tutele crescenti e riforma degli ammortizzatori sociali. Le Commissioni di Camera e Senato – il cui parere è solo consultivo e non vincolante – hanno dato il loro via libera e Venerdì 20 febbraio ne è prevista l’approvazione definitiva da parte del Consiglio dei Ministri.

Nella stessa occasione, il Governo dovrebbe varare gli altri decreti attuativi del Jobs act: il riordino delle tipologie contrattuali e i tempi di conciliazione lavoro-famiglia.

Per approfondimenti sul contenuto dei provvedimenti si rinvia ai dossier 137, 138 e 181 a cura del Servizio Studi della Camera dei deputati e del Servizio Bilancio dello Stato.

Il Servizio Studi della Camera ha realizzato anche delle infografiche che offrono un quadro sintetico sulle deleghe contenute nel Jobs Act, sul contratto a tutele crescenti e sul riordino degli ammortizzatori sociali.

La posizione delle Acli è espressa in un documento approvato dalla Presidenza nazionale e nel documento della campagna di azione sociale, La forza (del) lavoro per sconfiggere povertà e diseguaglianze.

 

Jobs act: via libera delle Camere ai primi decreti attuativi
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR