Assistente familiare: competenze antiche, nuova professione

L’Assistente familiare è una “professione” che tutti conosciamo ma nel nostro immaginario e nel vocabolario dei media è una professione che non esiste. Esiste solo la “badante”. Essa sorregge il sistema pubblico del welfare per gli anziani, costituisce il lavoro per migliaia di donne migranti ed è fondamentale per la vita di migliaia di famiglie italiane. E’ una professione in bilico tra antiche sapienze e competenze delle donne e moderni sistemi di vita familiare. E’ una professione che richiede un impegno culturale, politico e che trova unite le donne migranti e italiane sul riconoscimento della centralità del lavoro di cura e domestico nell’organizzazione sociale ed economica della comunità.

Le donne si muovono dalle campagne povere alle città e dalle città dei paesi più poveri alle città dei paesi più ricchi per impiegarsi nel settore della cura familiare, per sostituire o integrare il lavoro di cura svolto dalle donne più ricche.

Si crea così un vuoto di cura nelle famiglie di origine, tanto che in alcuni paesi c’è molto allarme per i nuovi bisogni delle famiglie divise a causa della migrazione. Nei tempi di crisi economica come quello attuale e di espulsione di manodopera da altri settori produttivi, molte donne italiane ritornano al lavoro domestico e assistiamo a un loro notevole aumento di richiesta di lavoro. La perdita di potere d’acquisto da parte delle famiglie ha determinato l’arresto della crescita progressiva del lavoro domestico regolare. Secondo i dati INPS nel biennio 2009/2011 i lavoratori  domestici con regolare rapporto di lavoro sono diminuiti di oltre ottantamila unità. Questo dato fa pensare che il lavoro nero sia tornato ad aumentare. Secondo il recente rapporto di International Labour Organization i lavoratori domestici nelle case nel mondo sono circa 52 milioni e 600 mila, di cui l’83% donne. Circa un terzo di essi non ha una protezione legale sul posto di lavoro e il 45% non gode di riposi settimanali e/o ferie. L’Italia è tra i tre più grandi paesi in Europa con maggior numero di datori di lavoro domestico. Il 22 gennaio 2013, il Governo italiano, primo in Europa, ha depositato presso l’ILO la ratifica della Convenzione sulle lavoratrici e i lavoratori domestici, l’obiettivo di questa norma è migliorare le condizioni di vita e di lavoro di decine di milioni di lavoratori domestici in tutto il mondo. Molti dei principi contenuti nella Convenzione, in Italia sono già legge.

Con la ratifica della Convenzione 189, l’Italia è al primo posto nell’impegno globale contro lo sfruttamento, le disuguaglianze e la discriminazione nei confronti di questa categoria vulnerabile. Il forte impegno dimostrato dal nostro Paese può essere un sollecito esempio, in particolare per quei Paesi nei quali il lavoro domestico è molto simile alla schiavitù.

di Laura Malanca, Segreteria Nazionale Acli Colf

(Fonte Acliline – vedi su Aclicolfonline)

 

Assistente familiare: competenze antiche, nuova professione
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR