La povertà contagia l’intero Paese

“I dati Istat sulla povertà relativi al 2012” – afferma Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli – attestano un significativo peggioramento, segno che la crisi colpisce i ceti lavoratori, estende il numero dei lavoratori poveri ed ampia la categoria delle persone e delle famiglie in povertà assoluta. Questi dati dell’Istat confermano quanto le Acli hanno rilevato tra i contribuenti che si rivolgono al proprio Caf, nel Rapporto Acli sui redditi di lavoratori e famiglie: i redditi dichiarati nel medesimo quadriennio esaminato dall’Istat 2009–12) risultano in calo a livello complessivo (-1,08%) e in particolare quelli da lavoro dipendente (-3,12%).
Preoccupa –prosegue Bottalico – l’aumento della povertà assoluta, per dimensione, quasi cinque milioni di persone coinvolte, con un incremento di circa un terzo dell’incidenza rispetto al 2011, e per intensità, aggravando la forbice delle diseguaglianze.
La situazione peggiore è per le famiglie, specie al Sud, con il capo famiglia disoccupato, ma anche il Nord non è salvo, si registra un aumento della povertà assoluta anche tra impiegati e dirigenti, ed addirittura tra le famiglie che dispongono di redditi da lavoro e di pensione. L’immagine disegnata dai dati Istat è quella di un Paese unito nella povertà e nell’impoverimento delle famiglie.
Occorre dunque – conclude il presidente delle Acli – frenare la perdita di posti di lavoro, attraverso un piano industriale capace di rilanciare la produzione in Italia e di valorizzare le professionalità, ed occorre intervenire sul piano fiscale con nuove detrazioni per dare ossigeno alla capacità di spesa delle famiglie, prima che i numeri del disagio sociale, ed in particolare quelli relativi alla povertà assoluta, risultino ingestibili politicamente e per sboccare la dinamica dei consumi, a cui sono appese le possibilità di ripresa”.

La povertà contagia l’intero Paese
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR