La speranza e la gioia di un peccatore

31 ottobre 2010 – XXXI Domenica del tempo ordinario anno CIn quel tempo, Gesù 1 entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, 2 quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, 3 cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. 4 Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. 
Zaccheo è piccolo e vuole vedere Gesù. E’ un capo dei pubblicani, coloro che riscuotevano le imposte per conto dei romani, e che erano considerati dei peccatori perché rubavano ai contribuenti – chiedendo più del dovuto – per arricchirsi personalmente.
Zaccheo è un uomo ricco e tuttavia ai margini della società. Egli non si vergogna di ciò che sta facendo per poter vedere chi è Gesù, e sale sul sicomoro. ([downloadacli menuitem=”334″ downloaditem=”2645″ direct_download=”true”]leggi tutto[/downloadacli])Chi cerca Gesù viene trovato da lui per vivere con lui e convertirsi.

La speranza e la gioia di un peccatore
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR