La spesa funebre la detrae chi la sostiene

L’anno scorso mia madre è morta; i miei due fratelli ed io abbiamo dovuto sostenere le spese funebri. La fattura dell’agenzia funebre è stata intestata soltanto a me, ma la spesa in realtà è stata sostenuta in parti uguali da tutti e tre i fratelli. Ognuno di noi può detrarre le spese?

La detrazione non andrà persa per gli altri due fratelli che hanno partecipato alle spese, ma potrà essere suddivisa in più quote.

Difatti, secondo la circolare 26/E delle Entrate del maggio ‘79, la spesa funebre va sempre portata in detrazione dal soggetto che l’ha sostenuta e può essere detraibile, in misura frazionata, dall’imposta di più persone.

Di conseguenza, quand’anche la fattura fosse intestata a una sola persona, se sul documento originale viene annotata una dichiarazione di ripartizione della spesa, sottoscritta dallo stesso intestatario del documento (in questo caso la richiedente), anche gli altri che hanno contribuito potranno godere del beneficio fiscale.

Bisogna comunque tener presente che la detrazione (19% dell’importo) compete su un limite massimo di spesa pari a 1.549,37 euro.

Teoricamente, allora, se si vuole spartire la detrazione in parti uguali, si può dividere la spesa totale per quanti vi hanno partecipato e calcolare il 19% di ciascuna quota, ma a condizione che l’importo complessivo sul quale verrà calcolata la detrazione non superi la suddetta soglia di 1.549,37 euro.

Per informazioni: www.caf.acli.it

La spesa funebre la detrae chi la sostiene
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR