Lampedusa: Acli, garantire assistenza umanitaria

Di fronte ai nuovi e consistenti sbarchi di cittadini nordafricani sull’Isola di Lampedusa, le Associazioni cristiane dei lavoratori italiani chiedono che «sia fatto ogni sforzo da parte del Governo e delle autorità locali per garantire l’assistenza umanitaria».   «L’acuirsi della crisi politica dei Paesi del Maghreb – afferma Antonio Russo, responsabile dell’immigrazione per le Acli – richiede un intervento urgente dell’Unione Europea e una strategia adeguata di accoglienza degli stranieri che fuggono e potrebbero ancora fuggire dai Paesi in rivolta. Nel frattempo occorre garantire la doverosa accoglienza umanitaria alle persone che sbarcano sulle coste siciliane, ma appare per questo preoccupante l’indisponibilità finora mostrata dal Ministro Maroni a riaprire nell’emergenza il Centro di accoglienza di Lampedusa».

«Non vorremmo rivivere – continua Russo – una nuova stagione di chiusura nei confronti dei migranti, senza che neppure sia offerta loro la possibilità di una prima accoglienza, delle cure necessarie e di esercitare il diritto di proporre domanda d’asilo. Affinché siano rispettati i diritti umani di circa mille persone giunte sulle coste siciliane negli scorsi giorni, auspichiamo che il Governo fornisca attraverso le autorità locali la necessaria accoglienza e assecondi le richieste dei cittadini di Lampedusa di riapertura del Centro».  

Lampedusa: Acli, garantire assistenza umanitaria
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR