Lavoro domestico: un passo avanti. Le Filippine ratificano la C189

L’ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro) ha annunciato che un secondo paese, le Filippine, hanno ratificato la Convenzione 189/2011 per il lavoro dignitoso per i lavoratori domestici. L’Uruguay è stato il primo paese a ratificare la presente Convenzione nel giugno scorso.
Tale Ratifica ha un valore importante per la tutela reale dei lavoratori domestici, in quanto, come da art. 21 comma 2 della Convenzione stessa “Essa entrerà in vigore dodici mesi dopo che le ratifiche di due membri saranno state registrate dal direttore generale”.
Con grande soddisfazione questo primo passo è stato realizzato, ma ora è importante che si prosegua nella ratifica anche da parte di altri stati affinché si realizzi la tutela dei lavoratori appartenenti a questo settore, che in molti paesi, rimangono quasi totalmente nell’informalità, sopportando anche gravi situazioni di sfruttamento.
A partire dal 2010 le Acli Colf si sono attivate promuovendo campagne a favore dell’adozione della Convenzione 189, aderendo a Campagne di sensibilizzazione come quella di Caritas Internationalis, sino all’adesione nel 2012 alla Campagna di ITUC. Sono inoltre vicine ai sindacati che si battono affinché anche in Italia la Convenzione possa essere ratificata, introducendo, nel caso dell’Italia, quell’uniformità di trattamento che si tradurrebbe, in primis, con la tutela piena della maternità per le lavoratrici madri.
Unire gli sforzi e creare delle reti di solidarietà e sensibilità, lottare insieme per ridurre lo sfruttamento, forme di schiavitù e promuovere un lavoro dignitoso per i lavoratori domestici, ha  fatto unire lo sforzo di queste e altre organizzazioni affinché quanto enunciato nella Convenzione diventi reale.

Lavoro domestico: un passo avanti. Le Filippine ratificano la C189
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR