Lavoro e welfare le priorità per il Paese

Al Consiglio nazionale Acli il presidente Bottalico indica le strategie dell’Associazione

 “Le Acli sono impegnate nei territori per dare il loro contributo per uscire dalla crisi, nelle parrocchie e nelle diocesi, e con papa Francesco che ci precede e ci indica con il suo sguardo profetico degli orizzonti di fraternità”. Lo ha detto Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli aprendo i lavori del Consiglio Nazionale delle Acli in corso a Roma.

“Siamo una associazione di cittadini di ceti medi e popolari – ha affermato Bottalico – che patiscono sulla loro pelle gli effetti della crisi, non dei cultori della materia. Per contrastare l’impoverimento in corso della società mettiamo al centro della nostra iniziativa il lavoro ed il welfare. Su questi temi, su cui si gioca il futuro del Paese, serve uno spirito di coesione e di reciproco ascolto fra istituzioni, governo, imprese, famiglie, organizzazioni sociali, sindacali e del terzo settore.

Le Acli hanno lanciato insieme alla Caritas, il Reddito d’inclusione sociale e promosso, insieme ad un vasto cartello di soggetti sociali, sindacali, istituzionali, l’ “Alleanza contro la povertà in Italia”.

Chiediamo al governo – ha aggiunto Bottalico – di inserire la misura del reddito d’inclusione nel prossimo Dpef e di reperire le risorse necessarie ad avviare il progetto a partire dal prossimo anno.

Il Jobs Act di Renzi ha avuto il merito di riportare al centro dell’attenzione il tema del lavoro come tema decisivo. Nel contempo crediamo che la priorità vada posta sulla creazione di opportunità di lavoro anziché sul mero aspetto delle norme che da sole non creano sviluppo. Una politica di intelligente revisione della spesa, iniziando dalla rinuncia ai cacciabombardieri F35, non può esser disgiunta dal superamento di una politica di austerità fine a se stessa e dalla rinegoziazione dei vincoli europei.

Bene la riduzione dell’Irpef, per i redditi medio bassi dipendenti. Si tratta di un passo nella direzione che le Acli hanno sempre auspicato, quella di dare più reddito disponibile alle famiglie, ai lavoratori per alimentare la domanda interna. Bisogna prevedere anche detrazioni per le famiglie che risultano più in difficoltà per l’assistenza di anziani, malati e disabili e quelle con maggiori familiari a carico. Inoltre, crediamo vadano rafforzati gli assegni familiari per gli incapienti, prese misure anche in favore dei giovani a partita iva e dei pensionati a basso reddito.

Sulla riforma dei contratti a termine e dell’apprendistato auspichiamo che prevalga il dialogo fra governo e parti sociali, perché se da un lato le novità introdotte mirano a offrire maggiori opportunità di ingresso nel mondo lavoro per i giovani, altrettanto fondati appaiono i rilievi formulati sul versante sindacale di un rischio di estensione della precarietà.

Circa le riforme istituzionali, – ha concluso Bottalico – l’abolizione delle province non risolve i problemi di governo di area vasta e la prospettiva del superamento del bicameralismo perfetto, con una sola camera elettiva pone il problema di quali effetti avrebbe l’adozione di un sistema elettorale come l’italicum, che peraltro appare un mini porcellum, e non recepisce le novità che l’elettorato si attendeva”.

Lavoro e welfare le priorità per il Paese
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR