Lazio: Bene proposta di legge sul welfare

Soddisfatte le Acli Lazio per la proposta di legge regionale sul Sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali, approvata il 10 ottobre 2013 dalla giunta regionale del Lazio. “La proposta – ha commentato Umberto Soldatelli, presidente delle Acli del Lazio –  è la dimostrazione di come finalmente la politica si coniughi con le reali esigenze dei territori della regione”. “Puntare su un welfare plurale e su un accordo più forte tra interventi sanitari e quelli sociali – ha aggiunto Soldatelli – significa rimettere, finalmente, al centro di ogni progetto la persona umana e non più la logica dei bilanci”. Obiettivo della riforma, si legge nel comunicato stampa della Regione, è quello “di definire un modello di welfare regionale più aperto alla partecipazione dei soggetti pubblici e privati che operano nel sociale”, “più attento ai bisogni delle persone più deboli e fragili sia dal punto di vista sociale che sanitario” e che coinvolga sia il pubblico sia il terzo settore nella programmazione e progettazione degli interventi. “Le Acli del Lazio – ha concluso il presidente Soldatelli – vogliono fare la loro parte e per questo sin da ora ci dichiariamo disponibili a dare il nostro contributo nell’ambito dell’osservatorio regionale sulle povertà che sarà istituito e all’interno del quale ci auguriamo vengano coinvolte tutte le associazioni che sono impegnate quotidianamente per il welfare nella regione Lazio”.

Lazio: Bene proposta di legge sul welfare
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR