Le Acli: la politica unita può salvae gli ostaggi

Maggioranza e opposizione siano unite nella lotta contro il terrorismo e lavorino insieme per la liberazione delle due volontarie italiane. Lo chiedono le Acli, nella giornata inaugurale del seminario di studi di Orvieto. «La scelta di una politica unitaria – spiega Luigi Bobba, presidente delle Acli – è giusta e doverosa, perché è l’unica che mette le persone prima della politica e delle sue divisioni. E’ la migliore risposta contro i ricatti di un terrorismo che, invece, riduce gli individui a cose». Rispetto al degenerare della situazione irachena, il presidente delle Acli aggiunge: «Ciò di cui abbiamo bisogno per ridare speranza e libertà alla popolazione è l’intervento di nuovi soggetti come l’Onu, l’Ue, i Paesi Arabi». Le Acli, infine, si associano alla richiesta già avanzata dal cardinale Renato Martino, presidente del Pontificio Consiglio “Giustizia e Pace”, di convocare un’assemblea straordinaria dell’Onu per trovare urgentemente una risposta comune al dilagare del terrorismo internazionale.

Le Acli: la politica unita può salvae gli ostaggi
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR