Le Acli ricordano Martinazzoli: ‘la politica come servizio’

«Abbiamo il rimpianto e la tristezza di non aver potuto beneficiare fino in fondo della sua intelligenza, della sua coerenza e della sua onestà, che avrebbero contribuito a portare il nostro Paese fuori dalle secche in cui si trova da troppo tempo». Lo ha detto il presidente nazionale delle Acli, Andrea Olivero, ricordando Mino Martinazzoli, più volte parlamentare, ministro della Repubblica, ultimo segretario della Democrazia Cristiana, quindi sindaco di Brescia. Scomparso domenica per una malattia, all’età di 79 anni, i funerali si svolgeranno oggi, martedì 6 settembre, nel Duomo di Brescia.  

«Martinazzoli – sottolinea Olivero – aveva questa caratteristica: era un uomo integerrimo e contrario ad una impostazione tutta mediatica della leadership. Questo lo ha certamente penalizzato in anni di politica urlata e demagogica. Ma oggi non possiamo che rimpiangere tutti le sue qualità».   «Era un cattolico democratico – aggiunge ancora il presidente delle Acli –, appassionato di etica civile e impegno sociale. Ed è stato un grande della nostra storia repubblicana, non solo per aver avuto il coraggio di guidare la Democrazia Cristiana quando quasi più nessuno voleva farlo, per paura di restare con il “cerino in mano”. Ma anche per l’umiltà personale e politica con cui è saputo tornare a dedicarsi con dedizione al suo territorio. Testimonianza di una politica intesa fino all’ultimo come servizio ai cittadini, alle Istituzioni, al bene comune». 

Le Acli ricordano Martinazzoli: ‘la politica come servizio’
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR