Le Acli: una “scossa ” per la politica italiana

Alla politica italiana serve una forte “scossa” culturale. Le Acli aprono i lavori del convegno di Orvieto “Postglobal: religioni, generi e generazioni. Nuove sfide alla democrazia” lanciando un appello alla politica italiana affinché allarghi gli orizzonti della sua azione e si prepari ad accogliere le “nuove sfide” che la attendono. «Rischiamo di rimanere chiusi in un’ottica a corto raggio – afferma il presidente delle Acli Luigi Bobba – come se il mondo finisse alle prossime elezioni, senza una finestra aperta sul futuro. Continuando in questo modo, c’è il pericolo che i diritti e gli interessi delle nuove generazioni spariscano del tutto dall’orizzonte della politica». Per questo motivo, nella due giornate di studi orvietana le Acli rilanciano la proposta “Un bimbo, un voto”: l’idea di estendere il diritto di voto anche ai minori, delegandone l’esercizio a uno dei due genitori. «E’ un modo – spiega Bobba – per “legare” positivamente le mani alla politica e costringerla a guardare di più al futuro, con più attenzione e più lungimiranza». A confrontarsi con la proposta delle Acli, ci sono ad Orvieto il ministro delle politiche agricole Gianni Alemanno, il presidente dei DS Massimo D’Alema, il presidente della Margherita Francesco Rutelli, e il capogruppo alla Camera Luca Volontè.

Le Acli: una “scossa ” per la politica italiana
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR