Menu
S. Cleto - Mercoledì 26 Aprile 2017
A+ A A-

Presidente nazionale

"Il Presidente nazionale è il legale rappresentante della Struttura nazionale delle Acli.
 
Egli ha la rappresentanza politica nazionale dell’Associazione e la dirige in base agli orientamenti ed alle deliberazioni assunte dagli Organi Nazionali"
.

(dallo Statuto delle Acli)

Il presidente nazionale in carica è Roberto Rossini

La politica, lo sviluppo e la lezione delle 5 Italie

Una sola Repubblica, anzi no, una Repubblica divisa in cinque. È questo l'esito di una ricerca dell'Iref che affronta il tema dell'aumento delle diseguaglianze attraverso la distribuzione sociale e territoriale della ricchezza in Italia. Sulla base di una serie di indicatori, emerge un'Italia divisa in cinque poli. Vediamoli brevemente. Il primo è il polo dinamico, un cluster di crescita asimmetrica. La ricchezza media è più alta della media nazionale per un terzo di più e il tessuto dell'economia è solido e in continua espansione,...
Leggi tutto

Due idee sul finanziamento pubblico alla politica

Nicola Fratojanni, in un articolo pubblicato su questa testata, riprende un tema importante quale il finanziamento dei partiti politici. La sua tesi è chiara e semplice: vietare il finanziamento diretto o indiretto (es. con le fondazioni) a soggetti politici da parte di soggetti economici che prestano la loro attività nell'ambito della Pubblica amministrazione. Nulla da eccepire. Ma ammesso che questa regola passi, rimarrebbe comunque sullo sfondo una questione importante: come finanziare oggi i soggetti politici. Il tema è rilevante,...
Leggi tutto

Oggi la politica fa scouting per scegliere i migliori, come in un talent

I partiti della Prima Repubblica facevano formazione per creare classe dirigente. Scuole, federazioni e gruppi giovanili: forme di partecipazione ad attività che andavano dalla semplice presenza ai convegni fino all'approfondimento dottrinario. Basta leggere le vite dei presidenti delle principali istituzioni italiane per capire che il ruolo in politica non era che un passaggio di un più o meno strutturato cursus honorum. È così che ogni partito si è formato un serbatoio "interno" di uomini, di riserve capaci di far politica perché per...
Leggi tutto

La terza società, il lavoro e un piano industriale

Il rapporto della fondazione Hume sulla cosiddetta "terza società" è stato ampiamente commentato da importanti studiosi. Ora si tratta di abbozzare qualche risposta, per offrire delle opportunità a chi appartiene a questo "terzo", tenendo conto che in questi mesi (se il governo dura) si deciderà in merito a un paio di strumenti utili allo scopo. Anzitutto facciamo un breve riepilogo. Com'è noto la fondazione Hume legge l'attuale condizione sociale nazionale attraverso il mercato del lavoro, perché è in questo spazio...
Leggi tutto

Il Parlamento è anche una questione sociale

Prendo spunto dall'indagine Demos di qualche settimana fa per dir bene dei partiti, del Parlamento e dei sindacati. In realtà l'indagine, per l'ennesima volta e senza sorpresa, classifica agli ultimi posti proprio i partiti, il Parlamento e i sindacati. La fiducia degli italiani verso queste tre istituzioni è assai bassa, bassissima. Peccato, perché proprio questi sono i soggetti di quella filiera popolare di cui per molto tempo - dalla nascita della Repubblica e per parecchi anni a seguire - i nostri padri sono andati fieri. Perché...
Leggi tutto

Le sorprese del voto dei contribuenti

Se si votasse attraverso il 730, il Pd avrebbe la maggioranza assoluta. Senza alleanze e in presenza del sistema proporzionale. Lo dicono i dati che qualche giorno fa il Mef ha diffuso: oltre il 50% dei contribuenti, che possono destinare il 2x1000 del loro reddito a un partito politico, ha scelto il Pd. Tenuto conto che il più recente sondaggio Ipsos attribuisce al partito di Renzi uno zerovirgola più del 30%, questo significa che nella meno segreta dichiarazione dei redditi, il Pd ottiene un 20% di più di quanto otterrebbe votando con la...
Leggi tutto

La via alla pace è politica

Anche quest'anno si riparte dalla pace. Un'iniziativa semplice, voluta da Paolo VI e giunta alla sua 50ma edizione, ci obbliga ogni anno ad aggiornare i linguaggi e a riflettere sul male politico della guerra. Quest'anno il titolo contiene almeno due parole che c'invitano a una sorpresa riflessione: la prima è nonviolenza, la seconda è politica. La nonviolenza non appartiene al lessico abituale dei Papi e non attinge alle tradizionali categorie della Dottrina sociale. Anche solo prendendo due documenti fondamentali sulla pace, quali la...
Leggi tutto

Cari politici, la povertà si combatte anche con un voto

Dall'inizio della crisi economica, le persone in povertà assoluta in Italia sono aumentate del 155%: 1,8 milioni nel 2007, 4,6 milioni oggi. Se, poi, entriamo nel dato generazionale, osserviamo anche altre negatività. Nell'Italia del 2005 l'incidenza della povertà assoluta, tra le diverse generazioni, era sostanzialmente simile. A fronte di una quota del 3,9% per gli under 18, per gli over 65 gli over 65 raggiungevano il 4,5%: uno scarto inferiore all'1. Ora, il quadro è il seguente: per gli over 65 la quota è pari al 4,1%, per gli under...
Leggi tutto

Il futuro è adesso, le riforme in futuro

Uno studio britannico rilasciato dalla società di ricerca FastFuture.com afferma che tra le professioni, che da oggi al 2030 potranno essere praticate, ve ne saranno alcune che oggi neppure immaginiamo. Quindi niente corsi di formazione o vocazioni precoci, solo tardive, solo intuitive, per quanto - ovviamente - collegate alla società elettronica, che rende reale il virtuale. Le prime posizioni di questa suggestiva classifica ci fanno toccare con mano la realtà che potrebbe essere: costruttore di parti del corpo, nanomedico, allevatore...
Leggi tutto

Referendum, un grazie a tutte le Acli

Cari presidenti di circolo, provinciali, regionali, internazionali o di qualche altra forma aclista: grazie!   Grazie perché in questi mesi avete sostenuto la Repubblica in uno dei modi che più ci appartiene. Avete provocato momenti di confronto, di approfondimento, di discussione, di dialogo. Avete fatto leggere dossier e inviato documenti. Avete discusso, magari litigato, a voce o per iscritto sui social network o su qualche altro giornale. Avete contattato docenti, avvocati, parlamentari, amministratori, appassionati: avete fatto...
Leggi tutto
Sottoscrivi questo feed RSS

Ultime news dal sito

25 aprile "Combattere senza odiare" - la dichiarazione Acli e Anpc

Per la ricorrenza della Festa della Liberazione, ospitiamo la dichiarazione congiunta Acli e Anpc...

Liberazione, Rossini: “Occasione di crescita della coscienza democratica"

“La Festa della Liberazione ci ricordi le origini della nostra democrazia, fondata sul sacrificio...

Le Acli, i lavoratori e il 25 aprile

Il 25 aprile 1945 il generale Clark, a capo delle operazioni militari statunitensi in Italia, dic...

Povertà in Italia, l'urgenza di intervenire subito (Uno Mattina)

“Più di un italiano su 10 vive in una situazione di grave deprivazione materiale” è uno dei dati ...

#salvailsuolo: appello a Juncker

Continua la mobilitazione di People4Soil, iniziativa dei Cittadini Europei sostenuta ...

Pesaro Urbino: tre incontri sull'immigrazione

Immigrati e numeri: per conoscere la realtà e sfatare i miti le Acli di Acli di Pesaro Urbino org...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui