Menu
III Domenica d’Avvento - Domenica 11 Dicembre 2016
A+ A A-

Imu e Tasi, game over: ora ci si ravvede



Vivo in affitto e mi sono scordato di pagare la mia quota di Tasi che il Comune ha fissato al 30% dell’aliquota allo 0,8 per mille sulle seconde case. Mi arriverà la multa o esiste un modo per recuperare?

Sì, il modo di recuperare esiste e si chiama ravvedimento operoso. Il ravvedimento è in pratica un istituto che offre l’opportunità ai contribuenti di correggere “in corsa” eventuali errori di pagamento o di recuperare volontariamente, in ritardo sulla scadenza ordinaria, il mancato versamento delle imposte (come nel caso del richiedente).

Le forme classiche di ravvedimento che ormai conosciamo sono quella sprint, breve o lunga. Quella sprint, introdotta dal 6 luglio 2011, permette di rimediare alla violazione commessa entro i 14 giorni successivi alla scadenza. Oltre alle sanzioni ridotte, applicate in base al ritardo accumulato, ci sono poi da calcolare gli interessi annui, che per l’anno 2015 si sono abbassati dall’1% allo 0,5%, mentre dal 1° gennaio 2016 scenderanno ulteriormente allo 0,2%.

Passando alla pratica, per quanti entro il 16 dicembre non avessero pagato (o avessero pagato in difetto) la prima rata di Imu e Tasi, ci sarà tempo fino al 30 dello stesso mese per aderire alla formula del ravvedimento “sprint”, che prevede una sanzione dello 0,2% (che dal 2016 calerà allo 0,1%) applicata su ogni singolo giorno di ritardo, più ovviamente l’interesse annuo dello 0,5%. Supponendo allora, per comodità di calcolo, che entro il 16 dicembre si sarebbero dovuti versare 100 euro, e ipotizzando un pagamento in ritardo di 4 giorni, quindi effettuato il 20, la sanzione sarà pari allo 0,8% dell’importo dovuto (0,2% per 4 giorni di ritardo), vale a dire 80 centesimi di euro.

Nel caso invece si dovesse versare tra il 15esimo e il 30esimo giorno di ritardo, quindi tra il 31 dicembre e il 15 gennaio, ci si collocherebbe nella fascia del ravvedimento “breve” (entro 30 giorni) che prevede, oltre al solito interesse dello 0,5%, la sanzione fissa del 3% (che dal 2016 calerà all’1,5%), questa volta applicata cumulativamente e non per singolo giorno.

Infine, l’ultima delle tre forme classiche è rappresentata dal “ravvedimento lungo”, che va dal 31esimo giorno di ritardo (quindi a partire dal 16 gennaio 2016) fino al termine di consegna della dichiarazione relativa all’anno nel quale è stata commessa la violazione (intesa come dichiarazione Imu/Tasi in scadenza il 30 giugno 2016 per l’anno 2015). Anche in questo caso l’importo della sanzione, pari al 3,75% del dovuto (anche nel 2016), verrà applicato indipendentemente dai giorni di ritardo, unitamente all’interesse.

Al di là poi delle scadenze note del ravvedimento, la Finanziaria 2015 ne ha introdotte altre tre inedite: una entro i 2 anni dalla violazione, un’altra - l’ultima in senso cronologico - oltre i 2 anni, con rispettive sanzioni al 4,2 e 5 per cento (resta fermo il pagamento degli interessi calcolati giornalmente nella misura dello 0,2% a partire dal 1°gennaio 2016) e infine, collocata tra la formula breve (sanzione al 3% fino al 2015 e all’1,5% dal 2016) e quella lunga (sanzione al 3,75%), si inserisce il ravvedimento “medio” (sanzione all’1,67%), cioè entro i 90 giorni successivi all’avvenuta violazione.

Per informazioni: www.caf.acli.it

Ultima modifica: Martedì, 22 Dicembre 2015 13:10
Torna in alto

Ultime news dal sito

Varese: ciclo di incontri sugli anziani

Dalle Acli di Varese arrivano 7 incontri gratuiti per formare i lavoratori domestici, gli assiste...

Bologna: incontro con il sottosegretario Luigi Bobba

Lunedì 12 dicembre alle 17.30, nella sede delle Acli di Bologna, via delle Lame, 116 si parlerà d...

Trento, mostra personale dell'artista Marco Filippone

Il circolo Acli di Gardolo (Tn) organizza una mostra personale del pittore trentino Marco Filippo...

Siena e Poggibonsi in ricordo di Achille Grandi

Sabato 10 dicembre le Acli di Radicondoli, di Poggibonsi e Siena ricordano Achille Grandi, sindac...

Istat, la povertà è un destino

In occasione della pubblicazione del Report Istat “Condizioni di vita e reddito”, riferito all’an...

Catanzaro, il concerto di Natale

Il 16 dicembre le Acli di Catanzaro organizzano insieme al circolo Acli “Città del vento” di Sove...

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui