Menu
S. Maria Regina - Martedì 22 Agosto 2017
A+ A A-

Assicurazione Inail per le casalinghe

  • Scritto da  Patronato Acli


So che esiste un’assicurazione Inail per le casalinghe. È obbligatoria?

Sì è obbligatoria dal 2001 e il 31 gennaio scade il termine per il pagamento del premio annuale per il rinnovo dell’assicurazione contro gli infortuni domestici.

L’iscrizione all’Inail è obbligatoria per ogni componente il nucleo familiare, di età compresa tra i 18 e i 65 anni, che si trovi nelle seguenti condizioni:

  • svolga in forma abituale e senza vincolo di subordinazione il lavoro di cura della propria famiglia e della propria casa;
  • non presti altra attività lavorativa che comporti l’iscrizione a forme previdenziali obbligatorie (Inps, Inpdap, ecc.).

Rientrano tra i soggetti assicurabili anche i pensionati con meno di 65 anni, gli studenti e gli inoccupati con più di 18 anni, i lavoratori in cassa integrazione o in mobilità e gli straneri che soggiornano regolarmente in Italia.

Non hanno l'obbligo di assicurazione:

  • i minori di 18 anni
  • i maggiori di 65 anni
  • i lavoratori socialmente utili (Lsu)
  • i titolari di borse di studio
  • gli iscritti a corso di formazione o a tirocini
  • i lavoratori part-time
  • i religiosi

L’assicurazione indennizza gli infortuni avvenuti nell'abitazione del nucleo familiare e derivanti dallo svolgimento di attività finalizzate alla cura delle persone componenti la famiglia e della casa.

L’Inail risarcisce gli infortuni che causano un’inabilità permanente pari o superiore al 27% e corrisponde all’assicurato una rendita mensile, esente da oneri fiscali, calcolata in misura proporzionale all’invalidità subita.

In caso di infortunio mortale, agli aventi diritto è riconosciuta la rendita ai superstiti e l’assegno funerario. Sono escluse dalla copertura assicurativa le malattie professionali.

Il costo annuale dell’assicurazione è di € 12,91 e il versamento, deducibile dalle tasse, va effettuato ogni anno entro il 31 gennaio.

Il premio è a carico dello Stato se l'assicurato:

  • ha un reddito Irpef, nell’anno precedente, non superiore a 4.648,11 euro
  • appartiene a un nucleo familiare il cui reddito complessivo non superi i 9.296,22 euro.

I soggetti esonerati sono tenuti comunque a iscriversi all’assicurazione presentando all’Inail il modulo di autocertificazione che attesta il possesso dei requisiti reddituali. Esso ha validità anche per gli anni successivi, sempre che non vengano superati i limiti di reddito.

Per informazioni: Patronato Acli
 

Ultima modifica: Martedì, 12 Gennaio 2016 14:17
Torna in alto

Ultime news dal sito

Ong e migranti, le Acli: prioritario salvare vite umane

Mai come in questo periodo le prime pagine dei giornali sono occupati da un tema molto caro alle ...

Tettamanzi, Rossini: "Esempio di una Chiesa aperta e accogliente"

Si è spento a 83 anni il cardinale Dionigi Tettamanzi. Arcivescovo di Genova dal 1995 al 2002 e d...

Venezuela, l'appello delle Acli: "Aiutateci!"

Il  Venezuela vive un momento di grande tensione politica e sociale. I quotidiani italiani r...

Le Acli ricordano Mimmo Cecchini

Le  Acli provinciali di Ascoli Piceno, con il contributo di Acli Arte e Spettacolo, ricorder...

Cattolici e politica: la lettera di Roberto Rossini al quotidiano Avvenire

La morte di Giovanni Bianchi ha riacceso il dibattito sul ruolo dei cattolici in politica. Tra i ...

Terremoto Centro Italia, un abbraccio lungo un anno

Dal 24 agosto 2016, giorno della prima scossa di terremoto nel Lazio, le Acli hanno immediatament...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui