Menu
S. Eustachio - Mercoledì 20 Settembre 2017
A+ A A-

Colf convivente: la retribuzione minima è sempre intera



Ho assunto una assistente familiare convivente che si occupa di mia madre in tutte le sue esigenze. Il suo orario di lavoro sarà comunque limitato a circa 30 ore settimanali, visto che il pomeriggio, ci sarò io in casa con lei e quindi la lavoratrice avrà tutto il pomeriggio libero fino alla sera. Qual è la retribuzione che devo corrispondere? E’ quella prevista dalle Tabelle del contratto collettivo, o posso ridurla corrispondentemente, visto che fa meno ore di quelle previste dal contratto collettivo?

Il Contratto collettivo nazionale di lavoro delle lavoratrici domestiche è un contratto alquanto particolare e diverso da tutti gli altri rapporti di lavoro, in quanto deve tenere conto delle particolarità di un rapporto di lavoro che si svolge “nel privato” e con modalità che si adattano alle esigenze personali delle famiglie.

Per questo motivo, l’art. 15 del Ccnl stabilisce che nei rapporti di lavoro domestico l’orario di lavoro è quello “concordato dalle parti”, entro un massimo invalicabile che per i lavoratori conviventi, è di 10 ore giornaliere, non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali. A tale previsione, si ricollega la Tabella A che indica i valori mensili della retribuzione minima contrattuale prevista per i lavoratori conviventi.

L’orario di lavoro non è dunque un parametro per la definizione della retribuzione. La retribuzione del lavoratore domestico, è legata al tipo di prestazione: convivente o non convivente.

Il part-time è espressamente previsto all’art. 15 comma 2, è vincolato a definite e inderogabili condizioni (orario di lavoro e sua distribuzione, mansioni ecc..) e comunque a esso è dedicata un’apposita tabella (Tabella B) che prevede retribuzioni mensili specifiche.

La retribuzione mensile dovuta a un lavoratore convivente è quella prevista dalla Tabella A Lavoratori conviventi  fissata su base mensile (per il 2015 € 958,58 per le assistenti familiari a persona non autosufficiente), a prescindere dalle ore effettivamente svolte o assicurate, diversamente da quel che avviene nei contratti collettivi adottati nei settori aziendali, dove, invece, è espressamente previsto il part-time, quale frazionamento dell’orario indicato nel Ccnl come “intero”, e la cui retribuzione si determina parametrando la retribuzione mensile all’orario effettivamente svolto dal lavoratore.

Per informazioni: aclicolfonline

Ultima modifica: Mercoledì, 13 Gennaio 2016 12:46
Torna in alto

Ultime news dal sito

Varese: concorso "Web-Care tra valori e limiti. Da Lettera a una professoressa alle e…

In occasione dei cinquant’anni della scomparsa di don Lorenzo Milani e della pubblicazione di Let...

Trento: al via il progetto "Due passi in salute con le Acli"

Martedi 19 settembre le Acli trentine presentano il progetto “Due passi in salute con le Acli” pr...

Giacomo Carta nuovo coordinatore nazionale GA

Giacomo Carta è il nuovo coordinatore nazionale dei Giovani delle Acli (GA). Trent’anni, sardo, C...

Chiuso a Napoli il 50° Incontro nazionale di studi

Si è chiuso oggi a Napoli il 50° Incontro nazionale di studi delle Acli, che quest’anno ha avuto ...

Delrio: "Consip fatto gravissimo, a rischio democrazia del Paese"

"Il fatto della Consip è gravissimo. Bisogna indagare la verità perché è a rischio la tenuta dell...

Furlan: "Valorizzare le imprese che formano i giovani"

La segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, si aspetta dalla prossima finanziaria che si...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui