Menu
S. Cirillo d’Alessandria - Martedì 27 Giugno 2017
A+ A A-

Amianto: Fondo per le vittime e i familiari

  • Scritto da  Patronato Acli


Mio padre è deceduto 2 anni fa seguito di un incidente stradale. Era titolare di rendita Inail (30%) per un mesotelioma causato da amianto. La settimana scorsa a mia madre è stata diagnosticata la medesima malattia. Lei non ha mai lavorato, può chiedere una rendita all’Inail?

No perché la signora che non ha mai lavorato non può ottenere dall’Inail il riconoscimento di una rendita per malattia professionale.

Sua madre, però, può presentare all’Inail istanza per assegno una tantum Fondo vittime dell’amianto per mesotelioma di origine non professionale. L’una tantum è pari a 5.600,00 euro.

L’assegno è erogato dall’Inail per conto del Fondo vittime amianto ed è una prestazione introdotta in via sperimentale per gli anni 2015/2017 dalla legge 190/2014 (legge di stabilità 2015), resa operativa con apposito decreto ministeriale.

Per la prima volta parliamo di tutela per coloro i quali sono affetti da mesotelioma contratto non per attività lavorativa ma per esposizione familiare o per esposizione ambientale avvenute in Italia.

La prestazione è erogata dopo la domanda che l’interessato ha inoltrato all’Inail (su apposito modello cartaceo) insieme a un certificato medico rilasciato da un ente ospedaliero pubblico o privato convenzionato con il Servizio sanitario nazionale. Il certificato deve attestare che la persona è affetta da mesotelioma e con la data della prima diagnosi della patologia.

Per quanto riguarda l’esposizione familiare è necessario dimostrare che il richiedente ha convissuto in Italia con il familiare nel periodo in cui il lavoratore era impiegato in una lavorazione che lo esponeva all’amianto.

Chi invoca l’esposizione a rischio ambientale comprovato dovrà fornire una prova per esclusione: cioè dovrà dimostrare l’assenza di esposizione a rischio lavorativo e l’assenza per rischio familiare sia in Italia che all’estero.

La legge di stabilità 2016 ha precisato che per gli aventi diritto all’una tantum deceduti nel 2015 senza aver inoltrato alcuna domanda (perché in attesa del decreto attuativo pubblicato solo ad ottobre 2015) è ammessa la possibilità di inoltro della domanda da parte degli eredi entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge di stabilità cioè entro il 30 marzo 2016.

La legge istitutiva del Fondo vittime dell’amianto prevede l’erogazione della “prestazione aggiuntiva” per i familiari superstiti di titolari di rendita riconosciuta per mesotelioma deceduti per cause legate alla malattia. Tale riconoscimento non è cumulabile con la prestazione aggiuntiva erogata sulla rendita ai superstiti.

 

Per informazioni: Patronato Acli

Ultima modifica: Martedì, 02 Febbraio 2016 15:15
Torna in alto

Ultime news dal sito

Accordo commerciale tra Acli e Banco Bpm

Banco BPM Acli hanno firmato un accordo commerciale valido per tutto il mondo Acli con un approcc...

Ascoli Piceno: Festa dei circoli Acli 2017

Domenica 25 giugno le Acli di Ascoli Piceno hanno celebrato a Ripaberarda la “Festa dei circoli A...

Grano contaminato, la solidarietà di Acli Terra agli agricoltori

“Acli Terra è al fianco degli agricoltori e ha come obiettivo primario la tutela delle tipicità l...

"Il sostegno di Papa Francesco a Ero Straniero è un grande dono"

Un grande dono, che darà ancora più forza al nostro messaggio e alla nostra campagna. E una solle...

Prato: incontro "Caratteristiche sulle tre grandi famiglie mafiose"

Si intitola “Caratteristiche sulle tre grandi famiglie mafiose” l’incontro organizzato dal circol...

Le Acli al flash mob per la cittadinanza

Il movimento #ItalianiSenzaCittadinanza e la Campagna L’Italia sono anch’io promuovono il flash m...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui