Menu
S. Chiara - Giovedì 17 Agosto 2017
A+ A A-

Demansionamento e Jobs Act

  • Scritto da  Patronato Acli


Lavoro in un’azienda di logistica. Il titolare mi ha detto che da febbraio non lavorerò più come contabile, ma mi occuperò di commissioni generiche e quindi riceverò una paga più bassa. Può farlo?

Si perché il demansionamento è previsto dal Jobs Act.

La regola – stabilita dall’articolo 2013 del codice civile modificato dal Jobs Act – è che il lavoratore deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto o a quelle corrispondenti all’inquadramento superiore che abbia successivamente acquisito.

Tuttavia, il lavoratore può essere adibito a mansioni inferiori in due ipotesi:

  • la prima è quando vengono modificati degli assetti organizzativi aziendali che incidono sulla posizione del lavoratore. In questo caso il lavoratore  può essere assegnato dal datore di lavoro a mansioni appartenenti al livello di inquadramento inferiore purché rientranti nella medesima categoria legale. Il lavoratore ha diritto in ogni caso diritto al mantenimento del trattamento economico e non va modificato l’inquadramento.
  • La seconda ipotesi di assegnazione di un lavoratore a mansioni inferiori - e questa è la grossa novità introdotta dal Jobs Act – deriva dalla possibilità delle parti di siglare un accordo che preveda il demansionamento e anche una contestuale riduzione dello stipendio nell’interesse del lavoratore “al mantenimento dell’occupazione”, all’acquisizione di una diversa professionalità o al miglioramento delle condizioni di vita. L’accordo stipulato deve essere sottoscritto in sede sindacale, o presso la Direzione territoriale del lavoro o presso una delle sedi previste dall’articolo 76 del decreto legislativo 276/03 (Università, ordini dei consulenti del lavoro, ecc,…). È dunque sufficiente il rischio di perdita del posto di lavoro a giustificare l’accordo sul demansionamento con riduzione dello stipendio e non è previsto alcun onere di provare l’effettività del rischio da parte del datore di lavoro.
Ultima modifica: Venerdì, 04 Marzo 2016 11:31
Torna in alto

Ultime news dal sito

Ong e migranti, le Acli: prioritario salvare vite umane

Mai come in questo periodo le prime pagine dei giornali sono occupati da un tema molto caro alle ...

Tettamanzi, Rossini: "Esempio di una Chiesa aperta e accogliente"

Si è spento a 83 anni il cardinale Dionigi Tettamanzi. Arcivescovo di Genova dal 1995 al 2002 e d...

Venezuela, l'appello delle Acli: "Aiutateci!"

Il  Venezuela vive un momento di grande tensione politica e sociale. I quotidiani italiani r...

Le Acli ricordano Mimmo Cecchini

Le  Acli provinciali di Ascoli Piceno, con il contributo di Acli Arte e Spettacolo, ricorder...

Cattolici e politica: la lettera di Roberto Rossini al quotidiano Avvenire

La morte di Giovanni Bianchi ha riacceso il dibattito sul ruolo dei cattolici in politica. Tra i ...

Terremoto Centro Italia, un abbraccio lungo un anno

Dal 24 agosto 2016, giorno della prima scossa di terremoto nel Lazio, le Acli hanno immediatament...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui