Menu
S. Bernardo - Domenica 20 Agosto 2017
A+ A A-

Acquisto abitazione: L’Iva è detraibile al 50%



Ho scoperto che in relazione agli acquisti di abitazioni effettuati nel 2016 si potrà detrarre l’Iva al 50% in dichiarazione dei redditi. Potreste darmene conferma? Io però non ho comprato l’abitazione principale, ma un secondo immobile che forse darò in affitto. La detrazione mi spetta comunque?

Sì è vero: l’Iva sull’acquisto dei fabbricati abitativi è detraibile al 50%. La detrazione spetta a prescindere dall’utilizzo che si farà della casa, purché sia appunto un immobile residenziale. Ciò significa che è detraibile l’Iva associata all’acquisto tanto di un’abitazione principale quanto di una seconda o terza casa, sia essa vuota, locata o concessa in comodato d’uso.

È però fondamentale che la cessione avvenga da parte di un'impresa costruttrice o ristrutturatrice. Questo vuol dire che l’acquisto deve essere effettuato da nuovo, anche perché una compravendita siglata fra privati non sarebbe soggetta a Iva.

L’immobile, inoltre, deve essere di classe energetica A o B, e questo riteniamo possa risultare dalla certificazione rilasciata dalla ditta cedente, visto che l’Agenzia delle Entrate nella Circolare 20/E/2016 non si è pronunciata sull’eventuale necessità di affidare la certificazione a un tecnico esterno.

Affinché l’Iva sia detraibile, è necessario infine che venga versata interamente nell’anno di riferimento. A nulla quindi varrebbero eventuali acconti versati in annualità precedenti.

Prendiamo appunto il caso del 2016 per le imminenti dichiarazioni 2017. È necessario, a tal riguardo, che la firma del rogito e il pagamento dell'IVA siano avvenuti nel periodo d'imposta 2016. Non saranno quindi agevolabili gli eventuali acconti d'imposta pagati nel 2015.

Esattamente come avviene per i normali bonus al 50-65 per cento, o per il bonus mobili legato alle ristrutturazioni/manutenzioni straordinarie di immobili abitativi, anche questo tipo di detrazione copre l’arco di un decennio, venendo suddivisa in 10 quote annuali di pari importo. Con la dichiarazione 2017 i contribuenti inizieranno quindi a detrarre la prima quota del 50% dell’Iva versata nel 2016, per proseguire, poi, a detrarla nei 9 anni successivi.

Per informazioni: www.caf.acli.it

Torna in alto

Ultime news dal sito

Ong e migranti, le Acli: prioritario salvare vite umane

Mai come in questo periodo le prime pagine dei giornali sono occupati da un tema molto caro alle ...

Tettamanzi, Rossini: "Esempio di una Chiesa aperta e accogliente"

Si è spento a 83 anni il cardinale Dionigi Tettamanzi. Arcivescovo di Genova dal 1995 al 2002 e d...

Venezuela, l'appello delle Acli: "Aiutateci!"

Il  Venezuela vive un momento di grande tensione politica e sociale. I quotidiani italiani r...

Le Acli ricordano Mimmo Cecchini

Le  Acli provinciali di Ascoli Piceno, con il contributo di Acli Arte e Spettacolo, ricorder...

Cattolici e politica: la lettera di Roberto Rossini al quotidiano Avvenire

La morte di Giovanni Bianchi ha riacceso il dibattito sul ruolo dei cattolici in politica. Tra i ...

Terremoto Centro Italia, un abbraccio lungo un anno

Dal 24 agosto 2016, giorno della prima scossa di terremoto nel Lazio, le Acli hanno immediatament...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui