Menu
S. Martina - Venerdì 30 Gennaio 2015
A+ A A-

Pensione: A chi spetta la “quattordicesima”



Una mia vicina ha percepito pochi giorni fa la quattordicesima mensilità di pensione: come posso fare per averla anch’io?

La “quattordicesima” mensilità di pensione, corrisposta nel mese di luglio di ogni anno, spetta ai pensionati di età superiore a 64 anni che siano titolari di redditi non superiori a determinate soglie.

La “quattordicesima”, che in realtà si chiama, per legge, “somma aggiuntiva”, è erogata in misure diverse a seconda del numero di anni di contribuzione in base ai quale è stata calcolata la pensione, con ulteriori differenze tra titolari di pensione da lavoro dipendente e titolari di pensione a carico di una gestione da lavoro autonomo (artigiani, commercianti, coltivatori diretti).

In sostanza, la “somma aggiuntiva” può essere erogata in 3 misure diverse.

  • Euro 336,00
  • Euro 420.00
  • Euro 504,00

Ciascuna di tali misure corrisponde a una determinata anzianità contributiva in base alla quale è stata liquidata la pensione.

La misura più bassa spetta ai pensionati da lavoro dipendente che abbiano versato contributi per almeno 15 anni, e ai pensionati da lavoro autonomo che abbiano versato almeno 18 anni di contribuzione.

La misura intermedia è erogata agli ex-dipendenti, se hanno versato contributi per un periodo compreso tra 15 e 25 anni, e agli ex-autonomi se hanno versato contributi per un periodo compreso tra 18 e 28 anni.

La misura più elevata spetta a coloro che superano le anzianità contributive sopra esposte: 25 anni per gli ex-dipendenti, e 28 anni per gli ex-autonomi.

Ma quali sono i limiti di reddito da non superare ?

Per l’importo più basso (336,00 euro) non bisogna disporre di redditi complessivi, su base annua,  superiori a euro 9.996,89; per l’importo intermedio (420,00 euro) il limite di reddito sale a euro 10.080,89; e per l’importo massimo (504,00 euro) si eleva a euro 10.164,89.

Concludendo: per poter avere la “14.ma” occorre avere superato 64 ani di età, e per sapere quanto spetta è necessario verificare la categoria della pensione, il numero dei contributi versati, e trovarsi in determinate condizioni reddituali.

 Per informazioni: www.patronato.acli.it
Ultima modifica: Martedì, 16 Luglio 2013 11:35
Torna in alto

Ultime news dal sito

Marche: Come vincere la povertà

Cresce la povertà e la disuguaglianza ma la situazione si può cambiare. Ne sono convinte le Acli ...

Udine: L'economia solidale e i gruppi d'acquisto

Proseguirà il 3 febbraio il percorso “Parliamo di economia solidale” promosso dalle Acli di Udine...

Bottalico (Acli): per il Quirinale arbitro autorevole, non un notaio

«Le forze politiche sappiano trovare una figura di prestigio e di garanzia all'altezza del delica...

Catanzaro: Animali in casa

Animali e bambini. È stato questo il tema dell’incontro organizzato per il 26 gennaio dall’associ...

Integrare al minimo vitale le pensioni. La proposta di legge Fap Acli

“La nostra proposta di legge mira ad affermare il principio che accanto alle ragioni contabili de...

Brescia: V edizione di Fabula Mundi

C’è tempo fino al 29 gennaio per iscriversi alla quinta edizione del corso di geopolitica Fabuula...

Le Acli

I Temi

Le Notizie

Link utili

Seguici su