Menu
S. Ludovico - Giovedì 25 Agosto 2016
A+ A A-

Ingresso del familiare straniero di un italiano

  • Scritto da  Marianna Borroni


Sono cittadino italiano e mia moglie è cittadina moldava. Abbiamo avuto da poco un bambino e vorremmo far venire in Italia sua sorella o sua madre per aiutarci per 3 o 4 mesi. Come possiamo fare?

Per il cittadino italiano e dell’Unione europea (Ue),  la legge di riferimento è il Decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30 che stabilisce il diritto di circolazione e soggiorno dei cittadini comunitari e dei loro familiari anche non Ue.

Sua cognata e sua suocera sono in una posizione giuridica diversa: la prima è una parente di secondo grado di sua moglie, mentre sua suocera è parente di primo grado. Il grado di parentela di un familiare con il cittadini Ue o il suo coniuge determina un diverso diritto all'ingresso e al soggiorno

In entrambi i casi presentati, per i soggiorni di breve durata (fino a 90 giorni) è necessario richiedere il visto per turismo poiché la Repubblica Moldova non è ancora Paese in esenzione di visto d’ingresso per i soggiorni brevi (a differenza dei paesi presenti in questa lista).

A breve, anche per i cittadini moldavi sarà prevista l'esenzione del visto per turismo, ciò dovrebbe avvenirea partire dal prossimo mese di maggio, sebbene manchi ancora la notizia ufficiale.

Infatti il Parlamento europeo ha approvato l’esenzione dei visti d’ingresso per i cittadini della Repubblica Moldova nel territorio dei 28 Stati membri dell’Unione, pertanto si è in attesa solamente della pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Attualmente, per agevolare il rilascio del visto turistico sarà utile includere nella richiesta una sua lettera di invito dove specificare il legame di parentela, e che intendete fornire anche l’ospitalità.

Per visionare l’elenco della documentazione necessaria per presentare la domanda presso il nostro Consolato Italiano di Chisinau (Rep.Moldova), consulti il sito del Ministero degli Esteri - sezione Visti.

Se sua suocera vuole richiedere un visto per un periodo superiore a 90 giorni, il diritto a un lungo soggiorno è collegato a un requisito fondamentale: il familiare straniero ascendente proprio o del coniuge del cittadino Ue (in questo caso italiano) deve essere “a carico”. Tale condizione deve essere dimostrata, ad esempio attraverso ricevute attestanti un regolare invio di denaro.

Nel caso invece di sua cognata la norma prevede che l’ingresso di questi familiari debba essere “agevolato” se il familiare è a carico o se gravi motivi di salute impongono che lei provveda alla sua assistenza. In ogni caso questo ingresso non è garantito e la specifica valutazione del caso spetta al Consolato.

Le segnaliamo, infine, la possibilità di essere assistiti direttamente in Moldavia presso la sede del Patronato Acli, a Chisinau.

 

Per informazioni: www.patronato.acli.it

 

Ultima modifica: Giovedì, 03 Aprile 2014 15:34
Torna in alto

Ultime news dal sito

Terremoto nel centro Italia: dalle Acli un aiuto per le popolazioni colpite

Un conto corrente per raccogliere aiuti per le popolazioni colpite dal terremoto che ha devastato...

Latina: Le Acli al Meeting di Rimini

Le Acli di Latina insieme al Forum 015, il gruppo che raccoglie associazioni economiche e del lav...

Brindisi: Legge regionale sul reddito di dignità

Si terrà venerdì 5 agosto alle 18,30 in Piazza Aldo Moro a Cellino San Marco (BR) l’evento di pre...

Toscana: Della Zoppa eletto segretario regionale della Fap Acli

Riccardo Della Zoppa (Pontremoli 1957) è stato eletto segretario regionale della Fap Acli della T...

Lettera aperta di associazioni, sindacati, ong a Federica Mogherini

Associazioni, sindacati, reti e ong hanno inviato una lettera aperta a Federica Mogherini, Alto R...

Ddl sul caporalato, Acli: importante passo avanti

Positivo il giudizio delle Acli per l’approvazione del Senato del ddl sul caporalato che intr...

Le Acli

I Temi

Le Notizie

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui