Menu
SS. Anna e Gioacchino - Martedì 26 Luglio 2016
A+ A A-

Colf: il riposo pomeridiano va goduto fuori casa



Ho assunto una assistente familiare, a tempo pieno, che vive con mia madre: quali sono i riposi giornalieri che devo garantire?

L’art. 15 del Ccnl, al comma 4, stabilisce che “Il lavoratore convivente ha diritto ad un riposo di almeno 11 ore consecutive nell'arco della stessa giornata e, qualora il suo orario giornaliero non sia interamente collocato tra le ore 6.00 e le ore 14.00, oppure tra le ore 14.00 e le ore 22.00, ad un riposo intermedio non retribuito, normalmente nelle ore pomeridiane, non inferiore alle 2 ore giornaliere di effettivo riposo”.

La norma, dunque fissa un numero di ore di riposo minimo da assicurare alla lavoratrice, undici consecutive e almeno due intermedie, “normalmente” nelle ore pomeridiane, ma niente vieta che la lavoratrice e il datore di lavoro si accordino per godere del riposo in altra parte della giornata, ad esempio nella mattina, sempre che alla lavoratrice sia assicurata la possibilità, in quelle ore, di dedicarsi alle proprie attività personali (fare una passeggiata, leggersi un libro, ecc..).

Per sottolineare questo aspetto, il nuovo Ccnl ha inserito un paragrafo all’interno del comma 4 che prevede espressamente: “Durante tale riposo il lavoratore potrà uscire dall’abitazione del datore di lavoro, fatta salva in ogni caso la destinazione di tale intervallo all’effettivo recupero delle energie psicofisiche”.

Succede infatti spesso che il datore di lavoro esiga il godimento di questo riposo all’interno dell’abitazione, soprattutto nei casi di non autosufficienza dell’anziano, onde evitare di provvedere alla sostituzione della lavoratrice, oppure, dall’altro lato, che il lavoratore, utilizzi queste ore per effettuare un turno di lavoro altrove.

In entrambi i casi si verifica una violazione degli obblighi contrattuali: le due (o più) ore di riposo devono essere dedicate al riposo della lavoratrice, e a seconda di come viene svolta, anche l’attività di mera vigilanza può essere considerata attività lavorativa, se non consente alla lavoratrice di dedicarsi ai propri affari, e soprattutto se la stessa deve rimanere “a disposizione” del datore di lavoro.

 

Per informazioniaclicolfonline

Ultima modifica: Giovedì, 23 Ottobre 2014 10:49
Torna in alto

Ultime news dal sito

Prete ucciso a Rouen, Rossini: vincere l'odio con la riconciliazione

«L'orribile notizia proveniente dalla Normandia dell'uccisione di un sacerdote mentre celebrava M...

Popolo e democrazia: la scommessa delle Acli

Popolo e democrazia sono al centro del prossimo Incontro nazionale di Studi delle Acli che si svo...

Ascoli Piceno: Gran prix regionale di burraco

Domenica 31 luglio alle ore 15,30 a Monteprandone, la quinta tappa della seconda edizione del gra...

Perugia: Decennale dell’associazione Asda Onlus – Us Acli

L’associazione Asda onlus - Us Acli di Fratta Todina, impegnata nello sviluppo fisico, motorio e ...

Roma: Francesco De Vitalini, nuovo segretario Fap Acli di Roma

Francesco De Vitalini è il nuovo segretario della Fap Acli di Roma, eletto all'unanimità dal comi...

Cagliari: Sardegna sempre più disabitata

Lunedì 25 luglio “Sardegna migrante”, il convegno annuale organizzato dalle Acli di Cagliari in c...

Le Acli

I Temi

Le Notizie

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui