Menu
S. Severo - Venerdì 24 Marzo 2017
A+ A A-

Opzione donna: un’opportunità per le lavoratrici

  • Scritto da  Franco Bertin


E’ ancora possibile chiedere l’accesso alla pensione con il regime “opzione donna”?

Anche nell’anno 2014 è possibile, per le donne lavoratrici, accedere alla pensione con il regime sperimentale, noto anche come “opzione donna”.

Si tratta di una particolare modalità di accesso al pensionamento che permette alle sole lavoratrici di ottenere la pensione di anzianità con i requisiti contributivi più favorevoli, in vigore al 31 dicembre 2007.

Per accedere all’opzione donna occorrono almeno 35 anni di anzianità contributiva, e un’età pari a 57 anni e 3 mesi, se si tratta di lavoratrice dipendente, e 58 e 3 mesi, di lavoratrice autonoma.

Nei confronti delle lavoratrici che si avvalgano del regime sperimentale continua a trovare applicazione il regime della “finestra mobile”: la decorrenza della pensione è posticipata di 12 o 18 mesi dopo il perfezionamento dei requisiti richiesti, a seconda che la pensione sia liquidata a carico della gestione dei lavoratori dipendenti oppure di una delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi.

La pensione liquidata in base all’opzione donna è calcolata interamente con il sistema contributivo, che in via generale determina un importo di pensione meno conveniente rispetto a quello retributivo, o “misto”, che si ottiene sommando la quota di pensione calcolata con il sistema “retributivo”, maturata in base ai contributi versati entro il 1995, e la quota calcolata con il sistema “contributivo”, maturata in base ai contributi versati successivamente.

Il regime sperimentale rimane in vigore fino al 31 dicembre 2015, ma secondo l’interpretazione attualmente fornita dall’Inps, la data di scadenza è da intendersi come termine ultimo entro cui deve collocarsi la decorrenza del trattamento pensionistico, e non il solo raggiungimento dei requisiti di età e contribuzione.

Ciò significa che per effetto della finestra pensionistica i requisiti richiesti per l'opzione donna dovranno essere maturati entro quest’anno: per una lavoratrice dipendente del settore privato entro il 30 novembre 2014 e per una dipendente del settore pubblico entro il 30 dicembre 2014 (35 anni di contributi e 57 anni e 3 mesi di età), mentre per una lavoratrice autonoma i requisiti devono risultare già maturati entro il 31 maggio 2014 (35 anni di contributi e 58 anni e 3 mesi di età).

 

Per informazioni: www.patronato.acli.it

Ultima modifica: Venerdì, 24 Ottobre 2014 11:19
Torna in alto

Ultime news dal sito

Ascoli Piceno: "Parliamone", incontro sulla violenza contro le donne

La violenza sulle donne è il tema dell’incontro “Parliamone” organizzato dalle Acli insieme al Co...

Cagliari: torna "Diritti in piazza"

Torna diritti in piazza, la campagna delle Acli di Cagliari per far conoscere i servizi e le atti...

"Accogliere immigrati l'espressione migliore di come fare politica" (l'Unità, 18…

In un'intervista al quotidiano, il presidente nazionale delle Acli Roberto Rossini appoggia la pr...

Avellino: le Acli con Libera per le vittime delle mafie

«Prima di combattere le mafie devi farti un autoesame di coscienza e poi, dopo aver sconfitto la ...

Uniti e in pace per un'Europa più forte. Guarda la fotogallery

Una bandiera della pace e una dell'Europa. Una accanto all'atra. Per ribadire come una sia indisp...

“Angelo, una storia vera". Il rientro nella società dei giovani detenuti

Un progetto per portare i giovani detenuti fuori dal carcere e dentro la società, con benefici in...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui