Menu
S. Antonio - Martedì 17 Gennaio 2017
A+ A A-

Opzione donna: un’opportunità per le lavoratrici

  • Scritto da  Franco Bertin


E’ ancora possibile chiedere l’accesso alla pensione con il regime “opzione donna”?

Anche nell’anno 2014 è possibile, per le donne lavoratrici, accedere alla pensione con il regime sperimentale, noto anche come “opzione donna”.

Si tratta di una particolare modalità di accesso al pensionamento che permette alle sole lavoratrici di ottenere la pensione di anzianità con i requisiti contributivi più favorevoli, in vigore al 31 dicembre 2007.

Per accedere all’opzione donna occorrono almeno 35 anni di anzianità contributiva, e un’età pari a 57 anni e 3 mesi, se si tratta di lavoratrice dipendente, e 58 e 3 mesi, di lavoratrice autonoma.

Nei confronti delle lavoratrici che si avvalgano del regime sperimentale continua a trovare applicazione il regime della “finestra mobile”: la decorrenza della pensione è posticipata di 12 o 18 mesi dopo il perfezionamento dei requisiti richiesti, a seconda che la pensione sia liquidata a carico della gestione dei lavoratori dipendenti oppure di una delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi.

La pensione liquidata in base all’opzione donna è calcolata interamente con il sistema contributivo, che in via generale determina un importo di pensione meno conveniente rispetto a quello retributivo, o “misto”, che si ottiene sommando la quota di pensione calcolata con il sistema “retributivo”, maturata in base ai contributi versati entro il 1995, e la quota calcolata con il sistema “contributivo”, maturata in base ai contributi versati successivamente.

Il regime sperimentale rimane in vigore fino al 31 dicembre 2015, ma secondo l’interpretazione attualmente fornita dall’Inps, la data di scadenza è da intendersi come termine ultimo entro cui deve collocarsi la decorrenza del trattamento pensionistico, e non il solo raggiungimento dei requisiti di età e contribuzione.

Ciò significa che per effetto della finestra pensionistica i requisiti richiesti per l'opzione donna dovranno essere maturati entro quest’anno: per una lavoratrice dipendente del settore privato entro il 30 novembre 2014 e per una dipendente del settore pubblico entro il 30 dicembre 2014 (35 anni di contributi e 57 anni e 3 mesi di età), mentre per una lavoratrice autonoma i requisiti devono risultare già maturati entro il 31 maggio 2014 (35 anni di contributi e 58 anni e 3 mesi di età).

 

Per informazioni: www.patronato.acli.it

Ultima modifica: Venerdì, 24 Ottobre 2014 11:19
Torna in alto

Ultime news dal sito

Su Repubblica Acli e Cri contro il freddo

Emergenza freddo: su Repubblica l'iniziativa delle Acli di Roma per i senza fissa dimora: 50 cene...

Emergenza freddo, a Roma colazioni e cene per i senza fissa dimora

50 colazioni e 50 cene per i senza tetto. Li offrono ogni giorno le Acli di Roma ai senzatetto os...

Cagliari: Acli accreditate per il Corpo europeo di solidarietà

Nasce il Corpo europeo di solidarietà che offre ai giovani opportunità di lavoro e volontariato. ...

A Fossato di Vico una Panda per gli anziani soli

Il circolo “Ora et labora” di Fossato di Vico, in provincia di Perugia, hanno ritirato al concess...

Copercom: prosegue la campagna social “Misericordia è…”

Due mesi fa il Copercom ha lanciato la campagna social “Misericordia è…” per dar seguito alla str...

Giornata del migrante: “Il Senato approvi la legge sulla tutela dei minori”

“Le Acli chiedono con forza l’approvazione al Senato di due leggi, quella relativa al diritto di ...

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui