Menu
SS. Michele, Gabriele e Raffaele - Giovedì 29 Settembre 2016
A+ A A-

Maternità: interviene la Cassa Colf



Sono appena entrata in maternità. La famiglia presso cui lavoro come colf, mi dice di fare domanda alla Cassa Colf per usufruire di alcune prestazioni: di che cosa si tratta?

La Cassa Colf è lo strumento che le parti sociali, con la sottoscrizione del Contratto collettivo nazionale del lavoro domestico, hanno costituito per sostenere il lavoro domestico, fornendo trattamenti assistenziali sanitari e assicurativi, integrativi e aggiuntivi delle prestazioni pubbliche ai datori di lavoro e ai lavoratori iscritti.

Sono iscritti alla Cassa Colf tutti i dipendenti e i datori di lavoro domestico che hanno versato i contributi di assistenza contrattuale, all'atto del pagamento dei contributi previdenziali obbligatori, inserendo nell'apposito campo MAV, il codice F2, e versando contestualmente l'importo aggiuntivo di € 0,03 centesimi ogni ora lavorata dalla colf.

Il nuovo regolamento, ha rafforzato le prestazioni in tema di maternità, per gli eventi verificatasi a partire dal 1 gennaio 2014, e quindi oggi per la lavoratrice iscritta è previsto:

  • il rimborso delle spese sanitarie sostenute dalle lavoratrici in stato di gravidanza, per l’intero periodo riconosciuto, nel limite massimo annuo di € 400,00;
  • il pagamento delle spese per interventi chirurgici effettuati nel primo anno di vita del neonato per la correzione di malformazioni congenite, comprese le visite e gli accertamenti diagnostici pre e post intervento, nonché la retta di vitto e di pernottamento dell’accompagnatore nell’istituto di cura o in struttura alberghiera con un tetto massimo di euro 100,00 al giorno, comprensivi di vitto e alloggio, a persona, per il periodo del ricovero. La disponibilità annua per la presente garanzia è di € 5.000,00 per neonato;
  • il pagamento dell'indennità giornaliera in caso di ricovero dovuto al parto, in istituti di cura pubblici o privati, pari a € 20,00 per ciascun giorno di ricovero per un periodo non superiore a 20 giorni per persona e per anno civile. Tale indennità è corrisposta anche in caso di ricovero in forma di day-hospital;
  • il pagamento dell'indennità di € 20,00 per ogni giorno di convalescenza certificata dal medico, conseguente a parto con intervento chirurgico, dopo la dimissione dall’istituto di cura o previsto nella degenza in day-hospital, con un massimo di 10 giorni per persona e per anno civile.

Per poter accedere alle prestazioni è necessario rispettare alcuni requisiti tassativi.



Per informazioni: aclicolfonline

Ultima modifica: Mercoledì, 29 Ottobre 2014 10:40
Torna in alto

Ultime news dal sito

Il Piemonte si prepara al referendum

Le Acli del Piemonte organizzano alcuni incontri sul referendum. Il primo è per il 1 ottobre a Ve...

Da Lecchi in Chianti (Si) 1000 euro per il terremoto

Da Lecchi in Chianti, in provincia di Siena, arrivano 1000 euro per le popolazioni colpite dal te...

Campania, due incontri su giovani e povertà

Le Acli di Benevento dedicano due giorni di riflessione su come portare le tre fedeltà dell’assoc...

Cagliari, gli immigrati nell'economia sarda

Il ruolo degli immigrati nella società sarda e il loro contributo allo sviluppo economico dell’is...

Roberto Rossini: contro la povertà servono reti di solidarietà

In un'intervista radio rilasciata il 28 settembre a Voci del mattino, Roberto Rossini, presidente...

Verso il referendum

Nell'edizione del 28 settembre del quotidiano La Repubblica, si parla dell'orientamento dei catto...

Le Acli

I Temi

Le Notizie

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui