Menu
S. Severo - Venerdì 24 Marzo 2017
A+ A A-

Colf convivente: Riposo retribuito per le feste natalizie



Lavoro come assistente familiare presso una signora non autosufficiente, in regime di convivenza. Per le prossime festività natalizie posso assentarmi dal lavoro? Ho comunque diritto alla retribuzione?

L’art. 17 del Contratto collettivo nazionale dei lavoratori domestici e familiari (Ccnl) indica chiaramente l’elenco delle festività “comandate” tra cui sono indubbiamente inserite le ricorrenze natalizie: Natale (25 dicembre), Santo Stefano (26 dicembre), Capodanno (1 gennaio) e 6 gennaio. In tali giornate deve essere assicurato il completo riposo, fermo restando “l’obbligo di corrispondere la normale retribuzione”, da parte del datore di lavoro.

Assentarsi nei giorni delle festività natalizie è dunque un diritto della lavoratrice, anche in regime di convivenza, che potrà assentarsi dal lavoro e dedicarsi alle proprie attitudini ed esigenze personali, per l’intera giornata e fino alla mattina dopo.

Nel caso in cui la lavoratrice dovesse prestare attività lavorativa “ordinaria”, essa ha diritto al riconoscimento di una maggiorazione pari al 60% della retribuzione globale di fatto, composta dalla retribuzione monetaria concordata e l’indennità di vitto e alloggio.

L’art. 15, comma 9, del nuovo Ccnl, siglato lo scorso anno, venendo incontro alle esigenze delle famiglie in cui vivono anziani bisognosi di assistenza continua, ha introdotto la possibilità di assumere in questi casi del lavoratori “supplenti”: il datore di lavoro che abbia in servizio uno o più lavoratori a tempo pieno addetti all’assistenza di persone non autosufficienti, potrà infatti assumere in servizio uno o più lavoratori, da inquadrare nei livelli CS o DS, con prestazioni limitate alla copertura dei giorni di riposo dei lavoratori titolari dell’assistenza.

In questo caso tali prestazioni saranno retribuite sulla base di un’apposita tabella retributiva (tabella “G”): ciò consente un notevole risparmio al datore di lavoro, che potrà usufruire di un lavoratore “in sostituzione” del lavoratore c.d. “titolare”, per i giorni festivi e di riposo, senza tuttavia essere costretto a versare una retribuzione superiore del 60% a quella ordinaria.

Per il 2014, infatti un lavoratore supplente potrà essere retribuito con una retribuzione oraria di € 7,14 contro una retribuzione oraria di € 10,38, dovuto al lavoratore “titolare” costretto a prestare lavoro straordinario festivo.

 

Per informazioniaclicolfonline

Ultima modifica: Mercoledì, 24 Dicembre 2014 11:47
Torna in alto

Ultime news dal sito

Ascoli Piceno: "Parliamone", incontro sulla violenza contro le donne

La violenza sulle donne è il tema dell’incontro “Parliamone” organizzato dalle Acli insieme al Co...

Cagliari: torna "Diritti in piazza"

Torna diritti in piazza, la campagna delle Acli di Cagliari per far conoscere i servizi e le atti...

"Accogliere immigrati l'espressione migliore di come fare politica" (l'Unità, 18…

In un'intervista al quotidiano, il presidente nazionale delle Acli Roberto Rossini appoggia la pr...

Avellino: le Acli con Libera per le vittime delle mafie

«Prima di combattere le mafie devi farti un autoesame di coscienza e poi, dopo aver sconfitto la ...

Uniti e in pace per un'Europa più forte. Guarda la fotogallery

Una bandiera della pace e una dell'Europa. Una accanto all'atra. Per ribadire come una sia indisp...

“Angelo, una storia vera". Il rientro nella società dei giovani detenuti

Un progetto per portare i giovani detenuti fuori dal carcere e dentro la società, con benefici in...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui