Menu
S. Italo - Sabato 19 Agosto 2017
A+ A A-

Colf: L'infortunio va denunciato entro 48 ore



Ho assunto un'assistente familiare convivente per una mia zia che vive da sola in un’altra città. Purtroppo venerdì è scivolata dalle scale mentre stava facendo le pulizie ed è stata ricoverata in ospedale. Cosa devo fare?

Se il lavoratore resta vittima di un infortunio durante lo svolgimento del lavoro domestico, il datore di lavoro deve denunciare l’incidente all’Istituto nazionale contro gli infortuni sul lavoro (Inail):

  • se l’infortunio subito dal lavoratore è guaribile entro i tre giorni successivi a quello in cui è avvenuto l’incidente, non è tenuto a fare nessuna denuncia. Per i primi tre giorni, infatti, l’Inail non paga nessuna indennità;
  • se l’incidente comporta un’inabilità assoluta al lavoro di almeno quattro giorni, il datore di lavoro deve darne comunicazione all’Inail utilizzando un apposito modello chiamato “Denuncia di infortunio di addetti ai servizi domestici e familiari e ai servizi di riassetto e pulizia locali”, disponibile presso tutte le sedi Inail o sul sito dell’istituto. Per agevolare i datori di lavoro domestico l’Inail ha previsto anche la possibilità di inoltro cartaceo del modello presso gli sportelli o tramite arccomandata a/r. La denuncia di infortunio deve essere presentata entro due giorni dal ricevimento del primo certificato medico o del referto del Pronto soccorso, che deve essere allegato alla denuncia stessa.

Analoga denuncia va presentata, sempre entro due giorni, anche all’autorità di Pubblica sicurezza (prefettura o sindaco) con raccomandata a/r.

Attenzione: se si tratta di infortunio che ha provocato la morte o per il quale è previsto il pericolo di morte, la denuncia all’Inail e alla Pubblica sicurezza va fatta con un telegramma o a mezzo fax entro le 24 ore.

Sul modulo della denuncia di infortunio devono essere riportate:

  • le generalità del datore di lavoro e dell’infortunato; i rispettivi codici fiscali e recapiti; il codice Inps assegnato per il versamento dei contributi;
  • il giorno e l’ora dell’infortunio la data di abbandono del lavoro;
  • le cause e le circostanze dell’infortunio;
  • il nome di eventuali testimoni;
  • la natura e la sede anatomica della lesione che viene riportata sul certificato medico;
  • la durata normale della settimana di lavoro e misura della retribuzione oraria sulla quale si versano i contributi all’Inps;
  • se il lavoratore domestico a ore lavora anche presso altre famiglie, devono essere specificati i nominativi degli altri datori di lavoro, il numero delle ore settimanali svolte presso di loro e la retribuzione convenzionale oraria.

 

Per informazioniaclicolfonline

Ultima modifica: Giovedì, 08 Gennaio 2015 10:47
Torna in alto

Ultime news dal sito

Ong e migranti, le Acli: prioritario salvare vite umane

Mai come in questo periodo le prime pagine dei giornali sono occupati da un tema molto caro alle ...

Tettamanzi, Rossini: "Esempio di una Chiesa aperta e accogliente"

Si è spento a 83 anni il cardinale Dionigi Tettamanzi. Arcivescovo di Genova dal 1995 al 2002 e d...

Venezuela, l'appello delle Acli: "Aiutateci!"

Il  Venezuela vive un momento di grande tensione politica e sociale. I quotidiani italiani r...

Le Acli ricordano Mimmo Cecchini

Le  Acli provinciali di Ascoli Piceno, con il contributo di Acli Arte e Spettacolo, ricorder...

Cattolici e politica: la lettera di Roberto Rossini al quotidiano Avvenire

La morte di Giovanni Bianchi ha riacceso il dibattito sul ruolo dei cattolici in politica. Tra i ...

Terremoto Centro Italia, un abbraccio lungo un anno

Dal 24 agosto 2016, giorno della prima scossa di terremoto nel Lazio, le Acli hanno immediatament...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui