Menu
S. Luca - Mercoledì 18 Ottobre 2017
A+ A A-

I tirocini extra curriculari: durata e compenso

  • Scritto da  Alberto Meli


Sono un disoccupato di 35 anni e ho svolto un tirocinio di sei mesi con un compenso totale di 1200 euro ma lavoravo come tutti gli altri. Esistono delle regole e dei compensi minimi stabiliti?

Le linee guida sui tirocini hanno fissato in 300 euro lordi mensili il valore minimo dell’indennità da corrispondere ai tirocinanti. Molte regioni prevedono dei compensi minimi più elevati; alcune hanno poi previsto la possibilità di compensi variabili, fra i 300 euro e il valore massimo previsto, in funzione delle ore settimanali svolte.

Il tirocinio consiste in un’esperienza di carattere prevalentemente formativo e di orientamento, svolta da una persona all’interno di una realtà lavorativa.

Esistono varie tipologie di tirocinio:

  • tirocini curriculari (promossi da università, scuole, enti di formazione all’interno del percorso di istruzione formazione);
  • tirocini formativi e di orientamento (rivolti a neo laureati o neo diplomati);
  • tirocini di inserimento/reinserimento al lavoro (rivolti principalmente a disoccupati e inoccupati);
  • tirocini promossi in favore di disabili;
  • tirocini di pratica professionale;
  • tirocini transnazionali

I tirocini di inserimento/reinserimento sono rivolti a disoccupati e hanno lo scopo di offrire una possibilità formativa o di riqualificazione professionale a chi è escluso dal mondo del lavoro.

La durata massima di questi tirocini è di 6 mesi; in caso di maternità o malattia di durata superiore a un terzo del tirocinio, il tirocinante ha diritto a un sospensione per il relativo periodo di assenza.

Il tirocinio può essere promosso da un ente pubblico o formativo o un’istituzione scolastica, o ancora da un’agenzia del lavoro, denominato “soggetto promotore”. Il tirocinante svolge effettivamente la sua esperienza presso un altro ente, pubblico o privato, denominato “soggetto ospitante”, in virtù di un convenzione sottoscritta fra i tre soggetti.

L’azienda ospitante deve assicurare la valenza educativa e formativa dell’esperienza, affiancando al tirocinante un tutor scelto tra i propri dipendenti che ha il compito di accompagnare e istruire il tirocinante.

Dal punto di vista fiscale, l’indennità corrisposta è considerata quale reddito assimilato al lavoro dipendente.

Per informazioni: Patronato Acli

Ultima modifica: Giovedì, 05 Marzo 2015 17:58
Torna in alto

Ultime news dal sito

IL SITO INTERNET E' IN RESTYLING. CI VEDIAMO PRESTO SU QUELLO NUOVO

Si avvisano i nostri lettori che dal 6 ottobre il sito Internet delle Acli non viene più aggiorna...

Più tutele e nuove diritti per i lavoratori della gig economy e le donne

Il 7 ottobre si celebra la Giornata mondiale per il lavoro dignitoso, mobilitazione promossa dall...

Ius soli, Antonio Russo aderisce allo sciopero della fame

Anche Antonio Russo, segretario di presidenza nazionale Acli e componente dei Comitati nazionali ...

Venerdì 13 ottobre CittadinanzaDay

Venerdì 13 ottobre la società civile, insegnanti, genitori e alunni torneranno a manifestare insi...

Lotta alla povertà priorità per il paese. Per uscire davvero e tutti dalla crisi

La povertà è ancora un dramma che sottrae diritti e futuro a una quota rilevante della popolazion...

A Salerno apre il "Cantiere delle idee" per l'imprenditoria giovanile

All’interno del Punto famiglia delle Acli di Salerno nasce il “Cantiere delle idee”, uno sportell...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui