Menu
S. Mauro - Sabato 10 Dicembre 2016
A+ A A-

I tirocini extra curriculari: durata e compenso

  • Scritto da  Alberto Meli


Sono un disoccupato di 35 anni e ho svolto un tirocinio di sei mesi con un compenso totale di 1200 euro ma lavoravo come tutti gli altri. Esistono delle regole e dei compensi minimi stabiliti?

Le linee guida sui tirocini hanno fissato in 300 euro lordi mensili il valore minimo dell’indennità da corrispondere ai tirocinanti. Molte regioni prevedono dei compensi minimi più elevati; alcune hanno poi previsto la possibilità di compensi variabili, fra i 300 euro e il valore massimo previsto, in funzione delle ore settimanali svolte.

Il tirocinio consiste in un’esperienza di carattere prevalentemente formativo e di orientamento, svolta da una persona all’interno di una realtà lavorativa.

Esistono varie tipologie di tirocinio:

  • tirocini curriculari (promossi da università, scuole, enti di formazione all’interno del percorso di istruzione formazione);
  • tirocini formativi e di orientamento (rivolti a neo laureati o neo diplomati);
  • tirocini di inserimento/reinserimento al lavoro (rivolti principalmente a disoccupati e inoccupati);
  • tirocini promossi in favore di disabili;
  • tirocini di pratica professionale;
  • tirocini transnazionali

I tirocini di inserimento/reinserimento sono rivolti a disoccupati e hanno lo scopo di offrire una possibilità formativa o di riqualificazione professionale a chi è escluso dal mondo del lavoro.

La durata massima di questi tirocini è di 6 mesi; in caso di maternità o malattia di durata superiore a un terzo del tirocinio, il tirocinante ha diritto a un sospensione per il relativo periodo di assenza.

Il tirocinio può essere promosso da un ente pubblico o formativo o un’istituzione scolastica, o ancora da un’agenzia del lavoro, denominato “soggetto promotore”. Il tirocinante svolge effettivamente la sua esperienza presso un altro ente, pubblico o privato, denominato “soggetto ospitante”, in virtù di un convenzione sottoscritta fra i tre soggetti.

L’azienda ospitante deve assicurare la valenza educativa e formativa dell’esperienza, affiancando al tirocinante un tutor scelto tra i propri dipendenti che ha il compito di accompagnare e istruire il tirocinante.

Dal punto di vista fiscale, l’indennità corrisposta è considerata quale reddito assimilato al lavoro dipendente.

Per informazioni: Patronato Acli

Ultima modifica: Giovedì, 05 Marzo 2015 17:58
Torna in alto

Ultime news dal sito

Varese: ciclo di incontri sugli anziani

Dalle Acli di Varese arrivano 7 incontri gratuiti per formare i lavoratori domestici, gli assiste...

Bologna: incontro con il sottosegretario Luigi Bobba

Lunedì 12 dicembre alle 17.30, nella sede delle Acli di Bologna, via delle Lame, 116 si parlerà d...

Trento, mostra personale dell'artista Marco Filippone

Il circolo Acli di Gardolo (Tn) organizza una mostra personale del pittore trentino Marco Filippo...

Siena e Poggibonsi in ricordo di Achille Grandi

Sabato 10 dicembre le Acli di Radicondoli, di Poggibonsi e Siena ricordano Achille Grandi, sindac...

Istat, la povertà è un destino

In occasione della pubblicazione del Report Istat “Condizioni di vita e reddito”, riferito all’an...

Catanzaro, il concerto di Natale

Il 16 dicembre le Acli di Catanzaro organizzano insieme al circolo Acli “Città del vento” di Sove...

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui