Menu
S. Ludovico - Giovedì 25 Agosto 2016
A+ A A-

Cagliari: Sportello di aiuto per russofoni



In Sardegna abitano e lavorano quasi 3.000 persone di lingua russa. Per loro le Acli di Cagliari hanno aperto uno sportello di ascolto e sostegno psicologico.

Lo sportello nasce per aiutare i russofoni – sono ucraini, russi e bielorussi – a comunicare le difficoltà che trovano in un paese tanto lontano da casa.

“Abitare in un paese straniero dove, oltre lingua e clima, tutto è organizzato in modo diverso e le persone pensano in modo diverso – spiegano le Acli di Cagliari – è difficile e può causare ansia e depressione. Parlare con qualcuno, in queste situazioni, diventa essenziale”.

Lo sportello, che si trova nella sede delle Acli (Via Marconi 4 a Cagliari) funziona su appuntamento.

Per informazioni e appuntamenti: acliprovincialicagliari@gmail.com.

Torna in alto

Ultime news dal sito

Terremoto nel centro Italia: dalle Acli un aiuto per le popolazioni colpite

Un conto corrente per raccogliere aiuti per le popolazioni colpite dal terremoto che ha devastato...

Latina: Le Acli al Meeting di Rimini

Le Acli di Latina insieme al Forum 015, il gruppo che raccoglie associazioni economiche e del lav...

Brindisi: Legge regionale sul reddito di dignità

Si terrà venerdì 5 agosto alle 18,30 in Piazza Aldo Moro a Cellino San Marco (BR) l’evento di pre...

Toscana: Della Zoppa eletto segretario regionale della Fap Acli

Riccardo Della Zoppa (Pontremoli 1957) è stato eletto segretario regionale della Fap Acli della T...

Lettera aperta di associazioni, sindacati, ong a Federica Mogherini

Associazioni, sindacati, reti e ong hanno inviato una lettera aperta a Federica Mogherini, Alto R...

Ddl sul caporalato, Acli: importante passo avanti

Positivo il giudizio delle Acli per l’approvazione del Senato del ddl sul caporalato che intr...

Le Acli

I Temi

Le Notizie

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui