Menu
S. Italo - Sabato 19 Agosto 2017
A+ A A-

Salerno: Il Patronato Acli arriva in carcere



Anche a Salerno, come già vvenuto in altre province, le Acli hanno sottoscritto un accordo con la casa circondariale per permettere agli operatori del Patronato Acli di entrare in carcere e assistere i detenuti nel disbrigo delle pratiche burocratiche come l’accesso alla pensione, l’assegno familiare, l’invalidità civile, la disoccupazione o altre prestazioni previste dalla normativa italiana.

Il protocollo è stato firmato il 29 febbraio presso la casa circondariale di Fuorni a Salerno. Erano presenti Gianluca Mastrovito, presidente delle Acli Salerno, Stefano Martone, direttore dell’istituto penitenziario e Giuseppe Paparo, direttore del Patronato Acli di Salerno.

«Si tratta di una intesa – ha affermato Gianluca Mastrovito, presidente delle Acli e del Patronato provinciale – che sta dando dei risultati nel contrasto al fenomeno della recidiva, attraverso servizi di consulenza, di assistenza e di tutela a favore dei detenuti. Tutela e diritti sono le due parole chiave per comprendere il lavoro dei patronati: il loro compito non è solo quello di compilare le pratiche per facilitare l’Inps ma quello di far conoscere ai cittadini, soprattutto quelli più deboli come anziani, disabili e detenuti, i loro diritti e aiutarli a scegliere la prestazione sociale più adatta alle loro esigenze».

L’accordo, ha aggiunto il direttore del carcere Stefano Martone «contribuisce a non lasciare i detenuti a loro stessi e a favorire, nell’ottica rieducativa della pena, il reinserimento sociale. Alle Acli – ha detto Martone - chiederemo un ulteriore impegno per costruire percorsi di cittadinanza attiva e di orientamento al lavoro per quanti saranno chiamati al riappropriarsi di spazi sociali nelle comunità locali».

«Dal 2009 – ha commentato dichiara Giuseppe Paparo, direttore del Patronato Acli di Salerno - da quando il Patronato nazionale delle Acli è entrato in carcere, ha intercettato 4.520 persone e ha istruito 10.219 pratiche nelle 79 province coinvolte su tutto il territorio nazionale. Il tempo dedicato alle pratiche invece non è quantificabile: spesso gli operatori delle Acli lavorano, o meglio donano con gioia del tempo, più di quanto preveda la convenzione. La presenza del Patronato, allora, in una situazione così estrema con tempi molto dilatati e burocrazia decuplicata rispetto alla vita normale diventa essenziale, assumendo un valore sociale significativo».

Ultima modifica: Lunedì, 29 Febbraio 2016 13:08
Torna in alto

Ultime news dal sito

Ong e migranti, le Acli: prioritario salvare vite umane

Mai come in questo periodo le prime pagine dei giornali sono occupati da un tema molto caro alle ...

Tettamanzi, Rossini: "Esempio di una Chiesa aperta e accogliente"

Si è spento a 83 anni il cardinale Dionigi Tettamanzi. Arcivescovo di Genova dal 1995 al 2002 e d...

Venezuela, l'appello delle Acli: "Aiutateci!"

Il  Venezuela vive un momento di grande tensione politica e sociale. I quotidiani italiani r...

Le Acli ricordano Mimmo Cecchini

Le  Acli provinciali di Ascoli Piceno, con il contributo di Acli Arte e Spettacolo, ricorder...

Cattolici e politica: la lettera di Roberto Rossini al quotidiano Avvenire

La morte di Giovanni Bianchi ha riacceso il dibattito sul ruolo dei cattolici in politica. Tra i ...

Terremoto Centro Italia, un abbraccio lungo un anno

Dal 24 agosto 2016, giorno della prima scossa di terremoto nel Lazio, le Acli hanno immediatament...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui