Menu
S. Cleofa - Domenica 25 Settembre 2016
A+ A A-

Subito un Piano nazionale contro la povertà (video)



Il nostro servizio sulla presentazione (Elisa Cerasoli)

Dando vita all'Alleanza contro la povertà in Italia un insieme molto rappresentativo di soggetti sociali, sindacali, del terzo settore, istituzionali intende promuovere adeguate politiche contro la povertà assoluta, per far fronte al dilagare di questo grave fenomeno, che riguarda ormai l'8% della popolazione.

In un documento comune presentato nella conferenza stampa di questa mattina, i soggetti che aderiscono all'Alleanza contro la povertà chiedono al Governo di avviare un Piano nazionale contro la povertà, di durata pluriennale.

Questo Piano, secondo l'Alleanza contro la povertà, “dovrebbe contenere le indicazioni concrete affinché venga gradualmente introdotta una misura nazionale, rivolta a tutte le persone in povertà assoluta nel nostro paese, che si basi su una logica non meramente assistenziale ma che sostenga un atteggiamento attivo dei soggetti beneficiari dell’intervento”.

Questa alleanza rimane aperta all'adesione di altri soggetti che hanno a cuore il tema della povertà assoluta”, ha sottolineato Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli, mentre dai sindacati Cgil, Cisl e Uil rappresentati rispettivamente da Vera Lamonica, Pietro Cerrito e Francesco Maria Gennaro si è voluto mettere bene in chiaro che le risorse da destinare alla lotta alla povertà assoluta vanno trovate responsabilizzando chi ha di più e non togliendole dal welfare per i ceti medio bassi in difficoltà. Pietro Barbieri, portavoce del Forum Terzo settore ha evidenziato il fatto che l'Alleanza propone una strategia di servizi e di accompagnamento alle persone, e non si limita ad erogazioni di carattere monetario.

D'altra parte l'avvio sin dal 2014 del Piano nazionale contro la povertà richiede investimenti, sviluppo di competenze e programmazione: gli enti locali, il terzo settore e le Organizzazioni sociali impegnati nel territorio potranno realizzarla solo se riceveranno un’adeguata stima economica, hanno ricordato Rita Visini, in rappresentanza della Conferenza delle Regioni e Loreto Del Cimmuto di Lega delle Autonomie.

 

Aderiscono all’Alleanza contro la Povertà in Italia:

Acli, Anci, Action Aid, Azione Cattolica Italiana, Caritas Italiana, Cgil-Cisl- Uil, Cnca, Comunità di S. Egidio, Confcooperative, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Federazione Nazionale Società di San Vincenzo De Paoli Consiglio Nazionale Italiano ONLUS, Fio-PSD, Fondazione Banco Alimentare, Forum Nazionale del Terzo Settore, Lega delle Autonomie, Movimento dei Focolari, Save the Children, Jesuit Social Network.

L’Alleanza contro la Povertà in Italia nasce da un’idea del Prof. Cristiano Gori, dell’Università Cattolica di Milano, ed è promossa grazie al contributo delle Acli.

Ultima modifica: Martedì, 12 Novembre 2013 11:34
Torna in alto

Ultime news dal sito

Pisa: La riforma costituzionale in parole povere

Si intitola “La riforma costituzionale in parole povere” il ciclo di tre incontri organizzati dal...

Roma, torna l'Ottobrata solidale

Dal 4 al 21 ottobre le Acli di Roma organizzano la seconda edizione dell’Ottobrata solidale: quat...

#Salvailsuolo - People4soil

Raccogliere 1 milione di firme in almeno 7 paesi da presentare alla Commissione europea per promu...

#Salvailsuolo: al via la campagna e la raccolta firme

Raccogliere 1 milione di firme in almeno 7 paesi da presentare alla Commissione europea per promu...

Gorizia, si parla di referendum, senato e titolo V

Le riforme costituzionali sono al centro di due incontri organizzati dalle Acli di Gorizia con il...

Sondaggio #passionepopolare: povertà e lavoro al primo posto degli interessi.

Sconfiggere la povertà e sostenere i giovani nella formazione al lavoro. È questa la passione pop...

Le Acli

I Temi

Le Notizie

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui