Menu
S. Romeo - Domenica 26 Febbraio 2017
A+ A A-

Ricerca Acli Colf: la crisi tocca il lavoro di badante



“Negli ultimi anni le famiglie chiedono alle badanti di lavorare di più, senza per questo aumentare lo stipendio. Le lavoratrici sembrano dunque avere una chiara percezione di quello che sta accadendo: la crisi economica ha impattato sugli standard minimi di lavoro, in alcuni casi, provocando un peggioramento”. Lo afferma la ricerca promossa dalle Acli Colf, con il Patronato Acli, presentata il 16 giugno a Roma in occasione della Giornata internazionale delle Lavoratrici e dei Lavoratori domestici, dal titolo "Viaggio nel lavoro di cura. Le trasformazioni del lavoro domestico nella vita quotidiana tra qualità del lavoro e riconoscimento delle competenze".

“Il lavoro di cura in Italia – ha affermato Raffaella Maioni, responsabile nazionale delle Acli Colf, l’associazione professionale delle Acli che organizza le collaboratrici e i collaboratori familiari – è una derivazione del lavoro domestico che, nel corso del tempo ha assunto una valenza socio-sanitaria, fino a divenire un sistema di cura privato erogato presso l’abitazione della persona assistita”.

Fra i temi della ricerca “Viaggio nel lavoro di cura” realizzata in collaborazione con l'Iref, spicca quello del logoramento: “Il tema del logoramento – sostiene la ricerca a proposito del lavoro di “badante” – si salda con la questione della qualità del lavoro: il settore assistenziale è strutturalmente labour intensive, tuttavia i dati su orari e carichi evidenziano la diffusione di fenomeni di sovra-occupazione. Per compensare le perdite salariali si lavora di più, peggiorando l’impatto del lavoro sulla vita personale”.

“Per far emergere e promuovere il lavoro di cura – ha affermato Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli – le Acli propongono, tra le altre cose, una maggiore integrazione del lavoro domestico e di cura con i servizi sociali, attraverso politiche sociali che prevedano per la famiglia/datore di lavoro dei meccanismi di sostegno al reddito, come l’intera detraibilità del costo del lavoro di cura”.

Le Acli con i loro servizi di consulenza ai cittadini come il Patronato e di formazione professionale, come l'Enaip, “lavorano per venire incontro alle necessità dei lavoratori di cura“, ha affermato Paola Vacchina, presidente del Patronato nazionale Acli.

Per il sottosegretario al Lavoro e alle politiche sociali, Luigi Bobba, per far fronte alle necessità di cura degli anziani si deve guardare alle esperienze positive che ci sono all'estero, pensando a una misura strutturale che guardi a un orizzonte temporale ampio.

Ultima modifica: Mercoledì, 18 Giugno 2014 10:14
Torna in alto

Ultime news dal sito

Rossini: "Seminiamo diritti contro il caporalato"

Una paga di 30 euro al giorno a fronte di 12 ore di lavoro. È questo il desolante quadro emerso d...

Ius soli, Rossini: “Subito la legge sulla cittadinanza”

“L’approvazione al Senato della legge sulla riforma della cittadinanza deve avvenire il prima pos...

Cosenza: un ricordo di Rosario Livatino

Si ricorderà Rosario Livatino nel convegno organizzato per il 25 febbraio dalle Acli insieme alla...

Coffeebreak, La7 - l'intervista a Roberto Rossini

Nella puntata del 21 febbraio di Coffeebreak, su La7, è andata in onda l'intervista al presidente...

Antonio Tiberi portavoce del Forum terzo settore Cosenza

Antonio Tiberi, vicepresidente delle Acli della Calabria, è il nuovo portavoce del Forum del terz...

Acli Colf su "Le monde diplomatique"

Nell'edizione di febbraio di "Le monde diplomatique", è stata pubblicata un'intervista in cui si ...

Tesseramento Acli 2017

Le Acli

I Temi

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui