Menu
S. Aronne - Venerdì 01 Luglio 2016
A+ A A-

Emergenza Kurdistan - Non lasciamoli soli

  • Scritto da  Redazione


Si chiama “Emergenza Kurdistan - Non lasciamoli soli” la campagna, alla quale hanno aderito anche le Acli, per sostenere i profughi che arrivano in Kurdistan dalla Siria e dall’Irak in fuga dall’Isis.

Da novembre 2014 quando la Focsiv e Avvenire hanno lanciato l'iniziativa e per 15 mesi successivi, sono stati raccolti fondi per aiutare i giovani e bambini ad affrontare la difficile situazione.

Con l’arrivo dell’inverno 2015 i fondi sono stati utilizzati per comprare coperte e abiti contro il freddo per i profughi che risiedono soprattutto nel quartiere di Ankawa nella città di Erbil in Irak.

In Kurdistan la situazione non è cambiata: continuano ad arrivare persone in fuga dalle guerre. La campagna continua.

Il sito della campagna: Emergenza Kurdistan.

Ultima modifica: Venerdì, 19 Febbraio 2016 11:48
Torna in alto

Ultime news dal sito

Incontro tra l’Alleanza contro la Povertà e il ministro Poletti

L'Alleanza contro la povertà in Italia si è incontrata ieri  con il Ministro Giuliano Polett...

Milano: Raccolta fondi per l'orto urbano

Dal 13 giugno è iniziata la raccolta fondi per il progetto “PomodOrti Urbani” promosso anche dall...

Latina: Le riforme costituzionali

Il 4 luglio le Acli di Latina organizzano il seminario “Le riforme costituzionale, verso il refer...

Vicenza: Incontro sull'enciclica "Laudato si'"

È dedicato a “Lo stile cristiano per la cura del mondo” l’incontro organizzato per il 30 giugno d...

Genova: Messa alla prova in un circolo Acli

Dopo le Acli di Benevento anche il circolo Acli “Achille Grandi” di San Fruttuoso, Genova, ha att...

Arezzo: Le Acli vicine alla famiglia Nicolò

È morto Antonio Nicolò, presidente delle Acli di Arezzo negli anni ’90 e presidente delle Acli To...

Le Acli

I Temi

Le Notizie

Link utili

Seguici su

Questo sito utilizza cookie, propri o di terze parti. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà. Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui