Le proposte delle Acli per la riforma del Terzo settore

Le Linee guida per una riforma del Terzo settore rappresentano “un primo passo verso una crescita e stabilizzazione dei fondi sociali (a cominciare dal varo di una misura universale e reinclusiva contro la povertà assoluta) e di altri interventi che garantiscano su tutto il territorio nazionale livelli essenziali delle prestazioni sociali e sanitarie”. È quanto afferma il documento della direzione nazionale delle Acli con le proposte sul progetto di riforma del Terzo Settore avviato dal governo.

Il vero salto di qualità che può dare questa riforma – si legge ancora nel documento Acli – èquello di uscire dallo schema Stato-mercato per entrare in quello di Stato, mercato e terzo settore. In questo senso il Terzo Settore si candida, insieme ad altri soggetti, ad esprimere capacità di rappresentanza e dialogo sociale affinchè le politiche pubbliche e le scelte strategiche, non solo nel campo delle politiche sociali, non siano calate dall’alto, ma vedano i cittadini e le comunità sempre più partecipi”

Questa riforma genera entusiasmo e aspettative molto importanti in tantissimi gruppi, organizzazioni, volontari e operatori, osserva Stefano Tassinari, vice presidente nazionale delle Acli e responsabile Terzo Settore. “Ci si rende conto che se il Paese vuole ripartire deve saper tenere tutti in squadra. Questo significa rimettere in pista quelle piccole opere e infrastrutture quotidiane fatte di servizi per e con famiglie, i giovani, gli anziani che oggi mancano e ridare slancio alla partecipazione e all’imprenditorialità sociale dei cittadini, anche nella gestione stessa di quel patrimonio culturale che oggi si stenta a valorizzare per creare lavoro.

Per farlo – conclude Tassinari –però dobbiamo aggiungere un capitolo alle linee guida perché insieme con il Terzo Settore si faccia emergere da tanti campi e si promuova lavoro di qualità e nessuno pensi di andare avanti con appalti al ribasso e ritardi di pagamenti. Se non si apre con la Pubblica Amministrazione questo capitolo lo sforzo di trasparenza che le linee guida propongono rischia di arenarsi.”

Le proposte delle Acli per la riforma del Terzo settore
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR