Legge cittadinanza, parte la raccolta firme della campagna “L’Italia sono anch’io”

Cittadinanza come diritto soggettivo e introduzione dello jus soli. Partecipazione degli immigrati alla vita della comunità e diritto di voto dopo 5 anni di residenza. Queste le riforme richieste dalla campagna “L’Italia sono anch’io”, promossa anche dalle Acli, mediante due leggi di iniziativa popolare i cui testi sono appena stati depositati in Cassazione. Ora può prendere il via la raccolta delle firme necessarie per la consegna delle leggi in Parlamento. Ci sono 6 mesi di tempo per raggiungere l’obiettivo richiesto delle 50.000 firme in calce a ciascuna delle due proposte di legge, e i promotori stanno pianificando iniziative in tutta Italia.
“Si tratta di una campagna di civiltà – sottolinea Antonio Russo, rensponsabile dell’area Immigrazione delle Acli – per contrastare un grave ritardo culturale e giuridico del nostro Paese. In Italia ci sono ormai oltre 5 milioni di stranieri regolari, cittadini di fatto ma non di diritto. Penso sopratutto ai giovanissimi figli di immigrati e ai bambini nati in Italia che parlano correntemente italiano, vanno a scuola con i nostri figli e spesso non conoscono nemmeno il Paese di origine dei loro genitori”.

Primo appuntamento nelle piazze italiane per la raccolta delle firme è il 1° ottobre.

Ricordiamo che “L’Italia sono anch’io” è promossa, nel 150° anniversario dell’unità d’Italia, da 19 organizzazioni della società civile, del mondo ecclesiale e della cultura e dall’editore Carlo Feltrinelli.

In allegato, una scheda che mette a confronto la legislazione attuale in materia e le modifiche che subirebbe se venissero approvate le due leggi.

Sul sito della campagna sono pubblicati i testi integrali delle due proposte di legge di iniziativa popolare, altri materiali di approfondimento e  gli aggiornamenti sulle iniziative.

Legge cittadinanza, parte la raccolta firme della campagna “L’Italia sono anch’io”
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR