Linee guida: le proposte e le richieste del Terzo Settore e la fatica del Paese

Termina oggi la consultazione promossa dal Governo sulle Linee guida per una riforma del Terzo settore .

Il mondo del Terzo settore é stato coinvolto attivamente anche riconoscendo il ruolo di rappresentanza delle proprie reti, soprattutto il ruolo del Forum del Terzo settore, col quale giovedì 12 giugno abbiamo presentato un documento condiviso a partire dai contributi di tante organizzazioni.

La percezione é che ci sia molto entusiasmo, ma anche molte aspettative.

Infatti, parecchie organizzazioni incontrano e si fanno carico sempre più nelle proprie attività di una parte crescente del Paese che, per affrontare la crisi, cerca di arrangiarsi: per trovare un qualche modo per assistere un proprio caro anziano o disabile, per arrivare a fine mese, per trovare un posto almeno in tirocinio o un associazione dove fare servizio civile, ecc.

Nell’arrangiarsi si incontra tanta umanità così come tanti affaristi che speculano sulle necessità e sulla troppo spesso precaria accessibilità dei diritti.

La sfida che lancia il Governo viene accolta dal Terzo settore e rilanciata come sfida a tutto il Paese e a tutta la politica, perché non si aspetti ancora una volta la crescita prima di investire nel sociale e in quel deficit di solidarietà e giustizia sociale che, in ultimo, ci rende tutti più soli e spaventati del futuro, pregiudicando qualsiasi poposito di ripresa.

Il Terzo settore può essere motore di questo cambiamento e di un welfare e una economia partecipati e rinnovati.

Una consultazione così ampia non poteva non generare queste attese. Ora siamo tutti in gioco.

{phocadownload view=file|id=911327|text=Il documento del Forum|target=s}

{phocadownload view=file|id=911328|text=Il documento delle Acli|target=s}

Linee guida: le proposte e le richieste del Terzo Settore e la fatica del Paese
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR