L’intervento di Alessandra Servidori

Il lavoro tra mercato e mondi vitali. Famiglia e nuovi soggettiSussidiarietà, società forte, welfare che cambia, sono macrotemi fondamentali sia per noi italiani che per gli europei: l’idea del superamento del welfare state che non voglia dire una “americanizzazione” delle società europee in cui i poveri vengono esclusi dall’aiuto mentre la stessa America si domanda se può reggere nel tempo, escludendo per esempio dal sistema sanitario la maggior parte degli attori. “I servizi alla persona e il welfare” declina concretamente quella che è la falsa figura del Welfare. Giorno dopo giorno siamo sempre più consapevoli che il Welfare del futuro non potrà essere quello che abbiamo conosciuto. Non potrà esserlo perché quella capacità di governare l’intero sistema non sarà più possibile, quindi non sarà più possibile un Welfare state-centrico, come si usava dire, ma ancor meno sarà possibile un Welfare in condizioni ripartite come le abbiamo conosciute. Fra gli effetti della lunga crisi o della lunga trasformazione economico-finanziaria in corso del sistema globale vi sarà anche il fatto che le risorse saranno molto minori, il che significa che il Welfare dovrà in gran parte essere costruito dalla società. Deve essere edificato da noi, con un progetto che certamente non mette tra parentesi la funzione dello Stato o le funzioni dei vari livelli di governo, in modo particolare quello regionale oltre che quello comunale, ma dovrà essere costruito tenendo conto della forza e della capacità che hanno i raggruppamenti sociali.
Scarica e leggi l’intervento integrale

L’intervento di Alessandra Servidori
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR