Marche: Come vincere la povertà

Cresce la povertà e la disuguaglianza ma la situazione si può cambiare. Ne sono convinte le Acli Marche che chiedono “una politica non sottomessa all’economia e che faccia scelte coraggiose: cioè politiche di riequilibrio e politiche di equità”.

Per le Acli Marche per evitare che le disuguaglianze mettano a rischio la democrazia “occorre prima di tutto intervenire sul settore finanziario e impedire quelle speculazioni alla base della crisi del 2008”.

Dall’altra occorre ridurre le disuguaglianze e questo è possibile con politiche fiscali redistributive: “lotta dura all’evasione e all’elusione fiscale e più tasse sulle rendite finanziarie, sulle grandi ricchezze e sui super redditi non solo per aiutare i poveri ma anche per sostenere le classi medie”.

“Infine – chiudono le Acli Marche – occorre intervenire anche sull’economia reale sostenendo lavoro e imprese e riducendo il cuneo fiscale, e favorire una crescita della produttività basata sull’innovazione tecnologica e non sulla riduzione dei diritti dei lavoratori”.

Infine le Acli Marche chiedono che siano aumentati gli investimenti in ricerca, sviluppo e formazione. “Solo così si esce dalla crisi e si prepara un altro futuro per il nostro Paese e per l’intera umanità”.

Marche: Come vincere la povertà
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR