Marco Galdiolo

Marco Galdiolo nasce a Padova il 29 luglio 1960. È sposato e ha due figli. Dopo la maturità scientifica, supera il concorso per entrare all’Isef diplomandosi con il massimo dei voti. Prima di incontrare le Acli è fortemente impegnato nell’Azione cattolica; impegno che si traduce in una costante presenza all’interno della parrocchia dove assume il ruolo di animatore sportivo con adolescenti e pre-adolescenti.

Conosce le Acli nel 1984 come obiettore di coscienza con un progetto di promozione di attività motoria per gli anziani.
Nel 1986 assume la responsabilità di presidente provinciale dell’Us Acli di Padova, incarico che manterrà fino al 1990. Contemporaneamente entra nel Consiglio, nella Presidenza provinciale delle Acli di Padova e nella Presidenza regionale Us Acli del Veneto. Al  Congresso di Ferrara del 1989 viene eletto in Consiglio nazionale Us Acli e a livello territoriale decide di mantenere esclusivamente gli incarichi regionali.Nel 1993 dopo il IX congresso di Sabaudia, entra a far parte della Presidenza nazionale con la responsabilità del Coordinamento tecnico nazionale. Con i successivi congressi passa al ruolo di vicepresidente ed infine di vicepresidente vicario assumendo l’incarico di responsabile dei “grandi eventi” dell’associazione.
Nel 2005 entra in Consiglio nazionale delle Acli come rappresentante dell’Us Acli.
Al XIII Congresso (Roma, aprile 2009) viene eletto presidente nazionale Us Acli e assume le deleghe di Rinnovamento e innovazione, dei Rapporti istituzionali e associativi, della Formazione e della Comunicazione. Come presidente nazionale dell’US Acli, entra a far parte della Presidenza nazionale delle Acli. Sotto la sua presidenza si intensifica e potenzia il rapporto con le Acli e con il territorio. Nel 2011 fonda il premio nazionale “Enzo Bearzot” in sintonia con la famiglia dell’ex CT e la Federazioni italiana giuoco calcio (Figc).

Marco Galdiolo
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR