Milano: 3 giorni per riflettere sull’Europa

Si tiene dal 28 al 30 agosto il tradizionale appuntamento formativo delle Acli Milanesi a Motta di Campodolcino. 

“A green new deal: lavoro, welfare e pace, l’europa che vogliamo”, è il titolo scelto che anticipa  gli argomenti che saranno approfonditi nelle giornate di studio con un respiro internazionale e a settant’anni dalla fondazione del Movimento aclista sempre fermamente europeista: il lavoro fondamento della società e della dignità di ciascuna persona nel tempo della crisi che il Continente sta attraversando specialmente negli Stati più fragili dell’Unione; il welfare da reinventare non solo nei singoli Stati ma in una prospettiva comunitaria.
E la pace come frutto di uno sviluppo giusto tra guerre ai confini e rivisitazioni degli Obiettivi del Millennio.

Inoltre nella giornata di sabato, insieme a molte amministrazioni locali della città metropolitana sarà affrontato il tema della sostenibilità come prospettiva ed economia del futuro nelle aree urbane.

Tra i relatori Grazia Pascali, Sportello lavoro Patronato Acli Milano, Alessia Mosca, parlamentare europea, Jean-Michel Bonvin, University of Applied Sciences Western Switzerland, Stefano Tassinari, responsabile nazionale Acli per le politiche per il Lavoro, Franca Biondelli, sottosegretario al Welfare, Patrizia Toia, parlamentare europea, Filip Chvatal, Intermunicipality coordinator of Slapanice district. Moravia – Czech Republic, Paola Vacchina, responsabile nazionale Acli per la Formazione, Lia Quartapelle, parlamentare italiana – Commissione esteri, Mauro Montalbetti, presidente nazionale Ipsia, Sabina Siniscalchi, presidente Comitato di Gestione Cascina Triulza – Padiglione Società Civile in Expo Milano 2015, Andrea Stocchiero, responsabile Policy di Focsiv, Gabriele Suffia, studente del VII corso di Geopolitica delle Acli Milanesi e Dino De Simone, presidente Legambiente Varese.

Il programma sul sito delle Acli di Milano

Milano: 3 giorni per riflettere sull’Europa
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.096
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 3.081
Fonte UNHCR