Milano: Convegno “Il futuro della Bosnia nel futuro dell’Europa”

Nei prossimi mesi ricorrerà il ventennale dell’inizio della guerra in Bosnia Erzegovina (1 marzo 1992 – 14 dicembre 1995). Le Acli di Milano Monza e Brianza ricorderanno l’evento che sconvolse l’Europa con il convegno “Il futuro della Bosnia nel futuro dell’Europa” che si terrà il 9 febbraio alle 17.00 nel salone Clerici in via della Signora 3 a Milano.
“Come Acli di Milano – ricorda Parolo Ricotti, vicepresidente provinciale dell’associazione – quell’evento ci vide in prima fila, con una risposta popolare efficace e dalla parte della gente. Per l’Europa fu un’esperienza sconvolgente, che pose fine alle illusioni di “fine della storia” ben prima degli eventi terroristici del settembre 2001”. “Le nostre Acli – continua Ricotti – guidarono lo società civile ed europea a scoprire la globalizzazione della solidarietà e un territorio più ampio del proprio. Noi, pacifisti per storia e per natura, iniziammo a conoscere da vicino le armi e i militari, e spesso a lavorare fianco a fianco. Furono anni difficili ma di svolta”.
I relatori partiranno dalla Bosnia per affrontare altre questioni: la capacità dell’Europa di superare la tragedie della guerra e l’attuale recessione, il ruolo della politica europea di difesa, l’idea di ripensare gli investimenti in armi per sostituirli in politiche di coesione sociale e politica del continente, e infine cosa sopravvive nella società italiana dell’impegno civile mostrato durante la guerra in Bosnia.
Intervengono: Mirko Pejanović, già preside della facoltà di Scienze politiche dell’Università di Sarajevo, e deputato del parlamento della Federazione bosniaca, Fabio Mini, già capo di stato maggiore del comando Nato del Sud Europa e comandante della missione internazionale in Kosovo, e Paola Villa, presidente nazionale Ipsia e volontaria di “Un sorriso per la Bosnia”. Modera: Paolo Ricotti, vicepresidente Acli Milano, Monza e Brianza, con delega a politiche internazionali e di pace.

Milano: Convegno “Il futuro della Bosnia nel futuro dell’Europa”
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR