“Milleproroghe”: verso l’approvazione definitiva

Martedì 24 febbraio le commissioni riunite Affari costituzionali e Bilancio del Senato iniziano l’esame del Decreto di legge (Ddl) n. 1779 di conversione del cosiddetto decreto “milleproroghe”, il decreto –legge n. 192 del 31 dicembre 2014 già approvato dalla Camera dei deputati e che modifica alcune norme contenute nella Legge di Stabilità.

Palazzo Madama ha tempo fino al 1 marzo per varare il decreto ed evitarne la scadenza.

Tra i punti principali del provvedimento:

Proroga di 4 mesi per gli sfratti.

Ripristino del vecchio regime dei minimi Iva (con tassazione agevolata al 5%) e che, per tutto il 2015, coesisterà con il nuovo regime al 15%.

Riapertura dei termini per rateizzare i debiti con Equitalia.

Proroga per i prossimi due anni degli incentivi volti ad arginare la “fuga dei cervelli”.

Fino al 30 luglio i sindaci e le unioni di Comuni potranno chiedere la riapertura degli uffici dei Giudici di pace laddove ne era prevista la chiusura.

Fino al 31 dicembre 2015, alzato dal 10% al 20% dell’importo contrattuale l’anticipo degli appalti alle imprese. La misura consente alle aziende di far fronte ai problemi di liquidità in seguito al meccanismo dello split payment introdotto dalla Legge di Stabilità e in base al quale la pubblica amministrazione verserà l’Iva direttamente allo Stato e non più al fornitore.

Rimandata al 2017 la riforma dell’esame di abilitazione degli avvocati e per 2 anni la titolarità delle farmacie si potrà ottenere con la sola iscrizione all’albo (tranne che per le 2.660 nuove sedi che saranno oggetto di concorso straordinario).

Estesa anche nel 2015 la disposizione che esclude il Comune dell’Aquila dal pagamento di sanzioni per lo sforamento del Patto di stabilità. Una deroga simile è prevista anche per la Regione Lazio e per il Comune di Venezia.

Ulteriore differimento dei termini per le imprese emiliane che hanno acceso mutui per pagamento dei tributi.

Per approfondimenti, si rimanda al dossier n. 198 del servizio Studi del Senato.

 

“Milleproroghe”: verso l’approvazione definitiva
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR