Modena: 2.000 iscritti in due anni di Gas Insieme

Il gruppo di acquisto solidale Gas Insieme delle Acli di Modena festeggia il suo secondo compleanno. La festa si terrà l’8 luglio in vial Caduti in guerra 192 a Modena. a partire dalle 20.00. L’ingresso è gratuito per gli iscritti al Gas o con la tessera del Tempio (costa 5 euro ed è valida per tutti gli eventi della stagione estiva).

Sono tante le ragioni per festeggiare visto che in poco tempo più di 2.000 famiglie, in costante e continuo aumento, hanno trovato nei locali del Gas un punto di riferimento per chi vuole la certezza della provenienza e dell’alta qualità a un prezzo calmierato. La maggior parte dei prodotti, infatti, arriva da fattorie del territorio modenese: dai biscotti alla carne, dai formaggi alle farine, dal pane agli insaccati, senza dimenticare la pasta fresca.

“Due anni fa abbiamo deciso di aprire il Gas Insieme – racconta Francesca Maletti, vicepresidente Acli di Modena e anima del progetto – perché agli sportelli del Patronato e del Caf avevamo capito che era un’esigenza. Le persone volevano e vogliono risparmiare ma non rinunciare alla qualità. Da qui è nata l’idea di realizzare un luogo che potesse garantire questa volontà”.

All’interno del Gas infatti, oltre ai prodotti a chilometro zero, si può trovare una vasta gamma biologica e anche della grande distribuzione. Il tutto, però, a un prezzo contenuto grazie alla scelta delle Acli modenesi di destinare parte delle quote del 5 per mille per potere limitare il ricarico sui prodotti. In questo modo l’utente finale paghi semplicemente il prezzo di acquisto con una lieve maggiorazione (circa il 10%) per le spese di gestione. Questo permette di trovare prodotti, anche di largo consumo, a un prezzo che sfida il mercato.

E, soprattutto, avvicina moltissime aziende etiche che sposano il modello Acli.
Tanti, infatti, sono i piccoli coltivatori che riforniscono gli scaffali del Gas con prelibatezze come le arance di piccole aziende della Sicilia che, vista la concorrenza con l’estero, spesso erano costrette a gettarne grandi quantitativi pur essendo di altissima qualità, ma anche l’olio pugliese e prodotti coltivati nei terreni sottratti alle mafie, specialità di molte altre regioni e la gamma dei Frati Camaldolesi.

“L’avventura è cominciata in modo naturale – conclude Francesca Maletti – e nello stesso modo continua. Abbiamo una lavagna sulla quale gli iscritti possono segnalare quello che vorrebbero vedere sugli scaffali e noi ci attiviamo di conseguenza. È così che abbiamo avvicinato, e siamo stati avvicinati, da moltissime realtà delle quali non conoscevamo l’esistenza e che ora sono i nostri fiori all’occhiello”.

Iscriversi al Gas è molto semplice: basta andare nei locali di viale Caduti in Guerra 192 a Modena e compilare il modulo di registrazione gratuito.
Il Gas è aperto il lunedì, mercoledì, venerdì e sabato con orario continuato dalle 10.00 alle 20.00 e parcheggio gratuito.

Modena: 2.000 iscritti in due anni di Gas Insieme
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.954
Fonte UNHCR