Mons. Pasini, il cordoglio delle Acli

“Un grande testimone ed artefice di giustizia e di carità a cui la Chiesa e la società italiana devono molto”. Così Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli ricorda la figura di mons. Giuseppe Pasini, che ci ha lasciati all’età di 82 anni ed esprime il profondo cordoglio delle Acli, delle quali era stato vice-assistente spirituale dal 1967 al 1971.

“L’impegno preferenziale per i poveri dell’ex direttore della Caritas Italiana – afferma Bottalico – prefigurava quella Chiesa che oggi ci indica papa Francesco, che si sente più vicina ai deboli ed a quanti sono vittime dell’indifferenza. Raccoglierne l’eredità ed onorare la sua figura significa continuare l’impegno nella lotta alle povertà e per la riduzione delle disuguaglianze per una società dove tutti possano sentirsi fratelli e nessuno escluso”.

I funerali si svolgeranno il 24 marzo alle 10.30 nella cattedrale di Padova.

Mons. Pasini, il cordoglio delle Acli
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR