Nel suo nome per i giovani palestinesi (Famiglia Cristiana)

La beatificazione di Giovanni Paolo II raccontata da Betlemme, dove le Acli hanno realizzato un centro di formazione professionale per aiutare i ragazzi di Terra Santa. “Uno dei più lucidi insegnamenti” di Papa Wojtyla – scrive il presidente delle Acli, Andrea Olivero, su Famiglia Cristiana – è stata la sua “visione” del lavoro umano come “chiave, e probabilmente la chiave essenziale, di tutta la questione sociale”. “Ricordarlo a Betlemme, insieme con la comunità cristiana e le autorità palestinesi, ha permesso di rammentare anche un altro aspetto del nuovo beato: Giovanni Paolo II amava il dialogo – vero, intenso, spirituale – con ogni cultura e ogni fede. Non per ricercare assurdi sincretismi o generici irenismi, ma per portare la propria testimonianza di credente a tutti, senza distinzioni, facendo nascere il desiderio di conoscere Cristo anche in quanti erano lontani”.(leggi l’articolo)

Nel suo nome per i giovani palestinesi (Famiglia Cristiana)
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR