“Nessuno escluso”: incontri, azioni e idee delle Acli oltre la crisi

Insieme per ridurre le disuguaglianze, eliminare la povertà e per riconciliarci con il futuro. Dall’11 aprile in tutta Italia.

Dall’11 aprile le Acli si mobilitano in tutta Italia, per incontrare, ascoltare e coinvolgere i soci, i cittadini e le comunità locali. Circoli aperti e stand nelle piazze per promuovere le proprie attività e presentare proposte politiche per affrontare e contrastare insieme la crisi.

Il focus della mobilitazione è la lotta alle diseguaglianze e alla povertà, che minano la possibilità di uscire realmente dalla situazione di recessione in cui versa anche il nostro Paese.

Le iniziative in giro per l’Italia

Con un opuscolo (in allegato), le Acli nazionali presentano così una piattaforma di proposte politiche raccolte in quattro grandi aree di intervento.

“La disuguaglianza è uno dei mali che le comunità politiche hanno combattuto per secoli. Un male che pensavamo consegnato alla storia non è mai stato totalmente bandito e – anzi – ha ripreso grande vigore. Ad esserne colpiti non sono più solo le fasce sociali deboli, ma anche una parte significativa del mondo del lavoro, dipendente, e anche autonomo, realtà un tempo ritenute, per ragioni differenti, al riparo dal rischio di disagio sociale. La disuguaglianza è un paradosso delle nostre società, le quali trovano il proprio fondamento nella sicurezza e nella diffusione del benessere: qui sta la prima origine della crisi. Allora proprio con la lotta alle disuguaglianze possiamo riconciliarci con un futuro orientato al bene comune, un futuro che esiste solo come comunità di destino di tutti, come storia di cui tutti siamo autori e non solo comparse”.

Piu welfare, nuovo welfare

Reddito di inclusione sociale, politica attiva per chi è in povertà assoluta

Integrare al minimo vitale le pensioni. No alla povertà di vedove/i e di invalidi

Un ‘Social Compact’ europeo: sanzioni agli Stati che non garantiscono livelli adeguati di welfare, di tutela dei diritti, di sostegno alla cooperazione allo sviluppo

Un piano nazionale di rilancio delle politiche sociali (garantire livelli essenziali di servizi per minori, famiglia, non autosufficienza, anziani…)

Scuola, sistema educativo e formativo che integra istruzione e formazione professionale, e che accompagna tutto il corso della vita

Piu giustizia fiscale

Fisco attento alle responsabilità familiari e riduzione delle tasse (gli “80 €”) sui redditi anche per pensionati e partite IVA

Tassazione negativa: i vantaggi delle detrazioni anche a chi ha redditi bassi o nulli

Riforma della finanza e lotta ai paradisi fiscali: Tassa europea sulle transazioni finanziarie (Ttf, 6 miliardi di gettito solo per l’Italia), separazione tra banche commerciali e banche d’affari, due misure per limitare drasticamente l’attività speculativa anche delle banche di deposito; country by country reporting (rendicontazione Paese per Paese) e tassazione unitaria per le multinazionali, avvio dell’Unione fiscale a livello europeo e studio di una fiscalità planetaria.

“Sulla fame non si specula”: vietare la speculazione finanziaria sul cibo e sulla terra

 Contrasto al gioco d’azzardo e reimpiego delle risorse per scopi collettivi

Piu lavoro, piu sviluppo

Lavorare meno lavorare tutti. Misure per ridistribuire il lavoro, a partire da una staffetta solidale: anziani in pensione part time pre legge Fornero e ingresso part time di nuovi assunti

Eurobond e risorse per un piano straordinario per lo sviluppo e l’occupazione europea (green economy, lavoro nel welfare, cultura, agroalimentare, turismo, banda larga, mobilità sostenibile…)

Meno evasione, meno tasse sul lavoro. Collegare l’aumento delle entrate alla riduzione del cuneo fiscale

Un giusto compenso: tetto per retribuzioni e bonus dei manager; contrattare per far crescere i salari. Rilanciare la crescita dei redditi dei ceti popolari, per restituire potere d’acquisto

Promuovere una cultura della responsabilità sociale nell’impresa e nella società e gestione pubblica dei beni comuni, anche attraverso realtà di cooperazione e imprenditorialità sociale

Piu cittadinanza, piu futuro

Lotta al falso in bilancio e per la trasparenza delle proprietà e del denaro. Superare la segretezza finanziaria. Accelerare la confisca dei beni ai mafiosi ed estenderla ai corrotti

La conciliazione, nuovo diritto per tutti: congedo obbligatorio di paternità di 2 mesi al 70% della retribuzione; contrastare il divario retributivo di genere e le “dimissioni in bianco”; un piano di detrazioni e forme di voucher anche aziendali, meglio se inseriti nella contrattazione territoriale, per far emergere e crescere un welfare dei servizi alla persona e alla famiglia; Bilancio di genere e di generazione, per garantire che le risorse siano equamente utilizzate

Garantire alle persone di origine straniera: il diritto di soccorso, asilo e protezione umanitaria; il diritto di cittadinanza ai bambini nati in Italia (e uniformare l’accesso alla cittadinanza europea); il voto nelle elezioni locali a chi regolarmente presente da 5 anni; il sostegno al ricongiungimento familiare

No ad accordi di libero scambio tra continenti che tolgano sovranità ai Paesi e che non tutelino i diritti del lavoro, della salute e dei consumatori

Ridurre le spese per armamenti, nuove norme contro il traffico di armi e per la messa al bando degli ordigni nucleari

I materiali

{phocadownload view=filelist|id=163}

 

“Nessuno escluso”: incontri, azioni e idee delle Acli oltre la crisi
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR