Novo Modo: al via la seconda edizione

E’ stata presentata il 19 ottobre scorso l’edizione 2015 di “Novo Modo. Responsabilità di tutti”, che si terrà a Firenze presso l’Auditorium di Sant’Apollonia da venerdì 23 a domenica 25 ottobre. A tema le “Disuguaglianze. Nutrire le diversità, combattere le iniquità”. Il presidente delle Acli e della Fai Gianni Bottalico alla tavola rotonda del 24 ottobre su “Lavoro, reddito e inclusione”.

Ambiente, società, economia, legalità: Novo Modo si propone anche in questo secondo appuntamento come un’occasione per dialogare sui temi centrali del nostro tempo. Il collante dei tanti partner della manifestazione è infatti la comune passione per l’umano, l’impegno per la buona politica, la determinazione a superare localismo e interessi personali.

Da venerdì a domenica si alterneranno decine di operatori attraverso lectio, seminari, workshop ed incontri che proporranno idee per un diverso modello di sviluppo, a cominciare dal “Dialogo su diritti, giustizia e beni comuni”, con Silvia Niccolai, Alberto Vannucci e Tomaso Montanari, in programma alle 9.30 di venerdì 23 che sarà seguito alle 12.30 dalla lectio di Tonio Dell’Olio di Libera “Per una società civile corresponsabile“.

Nel pomeriggio, in dialogo su “L’economia che vorremmo. Commercio, agricoltura, legalità”, saranno Stefania Piccinelli, Vittorio Rinaldi, Paolo Carnemolla e Alfio Curcio. Sempre nel giorno dell’inaugurazione sarà presente anche Vandana Shiva che alle 17.30 parlerà dei temi che la vedono impegnata da anni: suolo, beni comuni e futuro.

La giornata di sabato 24 si aprirà invece con un seminario su “Lavoro, reddito e inclusione” al quale parteciperanno Andrea Baranes, Gianni Bottalico, Filippo Miraglia, Giuseppe De Marzo e Maurizio Bernava, mentre a fine mattinata sarà presente a Novo Modo il presidente di Libera, don Luigi Ciotti. Di disuguaglianze e povertà parleranno i rappresentanti di Caritas Italia e Oxfam Italia mentre clima e welfare saranno i temi di fine giornata, con la presenza tra gli altri di Ugo Biggeri, presidente di Banca etica.

Nel pomeriggio, ancora un intervento da parte delle Acli con il dialogo “Welfare e salute”, in cui interverrà Federica Suardi, del direttivo nazionale delle Acli Colf, insieme a Nicoletta Dentico e Gianni Tognoni.

Tra gli appuntamenti della giornata conclusiva, domenica 25, la lectio sulle crescenti disuguaglianze nel nostro paese della sociologa Chiara Saraceno, cui seguirà il dialogo “L’economia delle disuguaglianze” con Maurizio Franzini ed Helen Alford. Al termine della mattinata la lectio su economia e politica civili che sarà tenuta dall’economista Stefano Zamagni. Ultimo confronto quello sul tema dei migranti e sulla necessità di aprire le barriere, costruendo ponti ed abbattendo muri.

I tre giorni di incontri saranno aperti a tutti ad ingresso libero: il programma è consultabile dal sito www.novomodo.org.

L’evento è organizzato da Banca etica, Acli, Arci, Caritas italiana, Cisl, fondazione “Responsabilità etica”, Legambiente e da quest’anno anche di Libera–Associazione, nomi e numeri contro le mafie, Fairtrade Italia, Ctm Altromercato, Scuola di economia civile, Polo Bonfanti Lionello.

 

Novo Modo: al via la seconda edizione
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR