Nuova emigrazione: a Stoccarda ci sono le Acli

Il numero degli italiani, giovani per lo più ma non solo, che si trasferisce in Germania continua a crescere, e con esso i bisogni d’informazione, consulenza e sostegno dei “nuovi migranti italiani”. Per farvi fronte, le Acli del Baden-Württemberg raddoppiano i loro sforzi e, dopo la costituzione del Ciane (Centro informazioni Acli nuova emigrazione), pubblicano una guida di orientamento per chi arriva in città.

Il bisogno di ricevere informazioni, consulenza e sostegno è una situazione che un’associazione come le Acli conosce bene, essendo presente in emigrazione da quasi 60 anni, dedicando a ciò molto del suo operato.

Oggi le Acli del Baden-Württemberg, insieme al Patronato Acli di Stoccarda, desiderano dare un ulteriore loro contributo per dare risposte al bisogno d’informazione dei nuovi arrivati.

Il primo intervento l’abbiamo fatto realizzando il “Ciane. Centro informazioni Acli nuova emigrazione”, un servizio offerto due volte la settimana ai connazionali che arrivano a Stoccarda e hanno bisogno di numerose e diverse informazioni: come funziona l’iscrizione al comune; dove e come posso usufruire di un corso di tedesco; come e dove far riconoscere il titolo di studio, come scrivere una candidatura per un posto di lavoro. Al Ciane cerchiamo di dare risposte a queste e altre richieste.
Il Ciane collabora attivamente con il Welcome Center Stuttgart, con la Comunità cattolica italiana, con l’Ufficio Las del consolato e altre istituzioni tedesche.

Il secondo intervento abbiamo deciso di realizzarlo pubblicando una piccola guida che contiene informazioni su come orientarsi quando si arriva a Stoccarda.
È una guida non esaustiva di tutte le domande che chi arriva per la prima volta a Stoccarda (o in un qualsiasi paese della Germania) può porre, ma il rinvio alle diverse istituzioni competenti, agevola di sicuro il “primo impatto”.

Nel pubblicare questa guida – afferma Pino Tabbì, presidente delle Acli del BW, nel presentare la guida – siamo partiti da un’osservazione: nel corso degli ultimi anni si sta assistendo in Europa ad un nuovo fenomeno migratorio che ancora una volta tocca, in modo particolare, le nazioni del Sud Europa. È una “nuova mobilità”, anche se noi preferiamo chiamarla ancora “nuova emigrazione”, che ha caratteristiche diverse da quella precedente degli anni ’60 e ’70. È un’emigrazione più qualificata, che è abituata a muoversi e a viaggiare in Paesi diversi dal proprio, che molte volte porta con se alte competenze in campo scientifico e culturale. Come succede spesso, quando si è in un paese “straniero”, c’è però la necessità di potersi orientare all’interno di un sistema nuovo e in gran parte sconosciuto.

La scelta di venire a vivere in Germania, in particolare a Stoccarda, comporta inizialmente per tutte-i dei momenti di difficoltà nell’orientarsi in un sistema lavorativo, sociale e culturale molto diverso di quello italiano. Le Acli Baden-Württemberg insieme al Patronato Acli di Stoccarda con questa piccola guida hanno cercato di mettere insieme alcune informazioni che possono permettere ai nuovi arrivati a Stoccarda di orientarsi meglio e più facilmente nel sistema burocratico amministrativo tedesco.

Le informazioni e le indicazioni riportate su questa guida non sono esaustive e quindi è necessario approfondire le specifiche tematiche presso gli uffici competenti o sui siti internet di riferimento.
Le Acli Baden-Württemberg si augurano di aver fornito con questa guida un primo momento d’informazione che possa agevolare la scelta di vivere a Stoccarda.

Nuova emigrazione: a Stoccarda ci sono le Acli
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR