Olivero: dal cardinale Bagnasco un ‘monito durissimo’

“Le parole del cardinale Bagnasco vanno accolte come un monito durissimo da parte di chi in questi anni ha governato il Paese lasciando che comportamenti privati palesemente immorali assurgessero a rilevanza pubblica”. Lo ha detto il presidente nazionale delle Acli, Andrea Olivero, rilasciando un commento alle agenzie di stampa sulla prolusione del presidente della Conferenza episcopale italiana.

“La Chiesa non fa moralismo – ha spiegato Olivero -, ma richiama ciascuno ad un comportamento consono ai ruoli che ricopre, prescritto in modo inequivocabile dalla stessa Carta Costituzionale. Diversamente, come sta accadendo da diverso tempo, crolla la credibilità delle istituzioni e dello stesso Paese nel contesto internazionale. Non possiamo tacere di fronte al continuo riproporsi di vicende squallide, accompagnate da altrettanto tristi esibizioni di zelo scandalistico. Il presidente Berlusconi abbia il coraggio di compiere una scelta non più procrastinabile e, dimostrando così di avere ancora a cuore il bene dell’Italia, rimetta il suo mandato per aprire una fase nuova della politica del Paese. Sarà solo il primo passo, necessario ma non sufficiente, per iniziare il ‘rinnovamento etico’ invocato negli scorsi giorni da Papa Benedetto”. “Ma nessuno si chiami fuori – ha aggiunto il presidente delle Acli -: corruzione, evasione fiscale, criminalità organizzata, diffusa illegalità, impongono cambiamenti di gruppi dirigenti ed insieme di costumi personali e politici diffusi. Per “purificare l’aria” del Paese ognuno deve fare la sua parte”.

Olivero: dal cardinale Bagnasco un ‘monito durissimo’
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR