Olivero: “Non ci può essere crescita senza coesione sociale”

In un colloquio con l’edizione on line di “Avanti“, il presidente nazionale delle Acli Andrea Olivero affronta il tema della povertà: le dimensioni del fenomeno sociale e le politiche necessarie per combatterla.”La povertà è insita nel destino di tutte le società, in Italia sono stati rilevati più di 8 milioni di poveri cosiddetti relativi e tre milioni e mezzo di poveri tout court e questo elemento interroga strutturalmente la nostra democrazia”.Per ridurre la forbice di diseguaglianza della ricchezza tra cittadini, uno “spread sociale” che rischia di causare un “tracollo della coesione sociale”, Olivero suggerisce “misure redistributive, introducendo ad esempio una tassazione progressiva e favorendo un intervento di tipo patrimoniale“.

Olivero: “Non ci può essere crescita senza coesione sociale”
close-modal
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2016 5.022
Fonte UNHCR
morti/dispersi nel mediterraneo nel 2017 2.992
Fonte UNHCR